Note stonate di un carillon nella notte | Federico Mazzi Note stonate di un carillon nella notte | Federico Mazzi

Note stonate di un carillon nella notte | Federico Mazzi

Note stonate di un carillon nella notte | Federico MazziLa scena iniziale di Note stonate di un carillon nella notte, il romanzo di esordio di Federico Mazzi pubblicato da bookabook, ci immette subito nelle atmosfere noir della storia. Sotto le note di un carillon un anonimo assassino uccide un ragazzino; il corpo del piccolo sventurato viene rinvenuto poco dopo, in una calda notte di mezza estate, in un boschetto appena fuori Montelaguardia, un paesello di Perugia, una piccola comunità in cui “tutti si conoscono e nel momento in cui uno ha un raffreddore, tutti ce l’hanno”.

Il raffreddore questa volta, però, è un brutale omicidio sul quale si troverà a indagare il commissario di polizia Marco Martelli, l’eroe/antieroe del romanzo. L’ufficiale, centrale nello sviluppo narrativo di Mazzi, è un uomo sulla cinquantina, di cui si percepisce un passato recente disturbante – e forse non propriamente legale –, che lo condiziona nella condotta e nell’umore. Stanco del suo mestiere e di essere svegliato nel cuore della notte “per andare a raccogliere morti”, Martelli è molto burbero anche verso i suoi più fidati collaboratori e preferisce passare le ore libere e le notti sul divano a giocare ai videogames.

Il ritrovamento del cadavere – che presenta una lesione al collo e soprattutto la mancanza di occhi e visceri, asportati, segnali di una ritualità dietro l’omicidio – aprirà un caso che già dalle prime battute si rivela spinoso. E non sarà il solo: il commissario Martelli e la sua squadra capiranno presto di avere a che fare con un disegno ben più enigmatico e pericoloso di quanto le intuizioni iniziali – facilmente protese all’immaginario del killer seriale di provincia – possano far temere.

LEGGI ANCHE:  L’incontro (con te) | Tiziana Crisafulli

Uno sviluppo singolare e ben complesso contraddistinguerà il prosieguo della storia – che nella seconda parte assume sempre più la forma del thriller –, non permettendo al lettore di staccarsi dalle pagine del volume. Sino alla fine.

Un’ultima informazione a chi si accingerà a leggere Note stonate di un carillon nella notte: nel suo interessante esordio letterario, Federico Mazzi rende omaggio alla sua città, Perugia, facendo muovere i suoi personaggi nei luoghi noti e meno noti del capoluogo umbro e inserendo qua e là, sempre con misura e senza appesantire la lettura, frasi del vernacolo locale. Colori di un carillon in questo caso non stonato. 

Autore: Redazione Leggere Libri

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *