Intervista a Consuelo Valenzuela, autrice de "Voglio cambiare il mondo. 18 donne che hanno segnato la storia" - RecensioniLibri.org Intervista a Consuelo Valenzuela, autrice de "Voglio cambiare il mondo. 18 donne che hanno segnato la storia" - RecensioniLibri.org

Intervista a Consuelo Valenzuela, autrice de “Voglio cambiare il mondo. 18 donne che hanno segnato la storia”

18 donne

Dopo il suo libro “Guida alle più belle case di artisti in Italia”, pubblicato da Stampa Alternativa nel settembre 2016, Consuelo Valenzuela torna a pubblicare con lo stesso editore, il libro “Voglio cambiare il mondo. 18 donne che hanno segnato la Storia“, 21 marzo 2019. Nata a Roma, di origini sudamericane, parla diverse lingue e ha lavorato per 20 anni in una multinazionale.

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Con questo libro, ho voluto riunire le storie di 18 grandi donne del passato, perlopiù sconosciute, di epoche e provenienze geografiche diverse, che hanno fatto delle imprese straordinarie e che meritano di essere ricordate. Perché, nella maggior parte dei casi, sono state cancellate. Mi sono imbattuta casualmente in ognuna di loro e ho provato subito molta empatia per le loro vicende.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Questo è il secondo libro che scrivo; il primo, “Guida alle più belle case di artisti in Italia”, era dedicato alle case di pittori, scrittori, musicisti che hanno vissuto in Italia ed era nato dal mio grande amore per quel tipo di museo, la casa-museo appunto, che in Italia non è così conosciuto come all’estero.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Ho impiegato circa un anno e mezzo per scrivere questo libro e ho dovuto leggere tantissimi libri e articoli in inglese, francese e spagnolo perché, nella maggior parte dei casi, non c’era nulla in italiano su queste protagoniste del passato dato che, tranne una, sono tutte straniere. Mi sono molto divertita a tuffarmi nelle loro vicende; devo dire che la ricerca è stata la parte più divertente.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Stefania Cola, autrice de "Cilento, infrastrutture e beni culturali"

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Amo moltissimo leggere e leggo diversi libri ogni mese. Per la maggior parte si tratta di romanzi stranieri, ma qualche volta leggo anche saggi. In questo momento sto leggendo un saggio di Mary Beard, una storica inglese, che si intitola: “Donne e potere” e che parla di come sia stato precluso in passato (ma talvolta, questo accade anche nel presente!), alle donne, il diritto alla parola.

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Preferirei un brano di musica classica perché, personalmente, trovo difficile concentrarmi su un libro se ascolto della musica.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Con questo libro ho voluto descrivere le vicende straordinarie di diciotto donne coraggiose e visionarie che non hanno avuto paura di inseguire i loro sogni anche quando questi non erano né capiti, né accettati dalla società in cui vivevano.

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su