Intervista a Simone Chialchia, autore de "James Biancospino e le sette pietre magiche" - RecensioniLibri.org Intervista a Simone Chialchia, autore de "James Biancospino e le sette pietre magiche" - RecensioniLibri.org

Intervista a Simone Chialchia, autore de “James Biancospino e le sette pietre magiche”

James

Simone Chialchia, classe 1991, vive a Cividale del Friuli insieme alla sua giovane famiglia. Lavora come operaio, ama la natura, la letteratura e le antiche leggende. “James Biancospino e le sette pietre magiche” edito da Aporema edizioni è il suo primo romanzo.

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

James si ritrova suo malgrado vittima di un destino perverso: raccoglie una pietra che si rivelerà magica e che lo catapulterà indietro nel tempo, nel 1503. Qui si unirà alla confraternita della luce, una setta che combatte la minaccia oscura di esseri mostruosi e crudeli chiamati non-morti. Siamo nel mondo del fantasy, e il sottogenere di riferimento potrebbe essere l’high dark fantasy…

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Questa passione è nata per caso più o meno quattro anni fa, con un’idea vaga che poi si è tramutata in ossessione. Ho trovato nella scrittura il vettore migliore per esprimermi e dare sfogo alle mille cose su cui fantastico.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Dopo un lungo periodo di indecisione e di timore, mi sono convinto che valeva la pena tentare la via della scrittura. Poi nel giro di tre mesi sono riuscito a buttare giù la prima bozza del libro. Scrivo solitamente la sera tardi o la mattina presto accompagnato dalla musica della mia playlist e dal profumo di una candela…

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Mi piacerebbe godere della sterminata cultura e della precisione stilistica del maestro Tolkien, che non lascia mai nulla al caso e ha una stupefacente visione d’insieme della storia. Miro all’efficacia che ho riscontrato nella Rowling. Ammiro tantissimo la sua scrittura semplice e fluida, ma capace di far provare emozioni forti.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Dino Papetti, autore de "La vita astrusa"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Domanda difficilissima! Premesso che nel libro vengono citate molte canzoni e band musicali, penso che il sottofondo ideale per accompagnare questa lettura sia il metal potente e malinconico dei Metallica. Una canzone? “The Unforgiven III”.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Leggete, sognate, innamoratevi. E non mollate mai: credete in voi stessi e trovate la forza per realizzare i vostri sogni. Nulla è impossibile.

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su