Intervista a Kenji Albani autore de "Dare vita, dare morte" - RecensioniLibri.org Intervista a Kenji Albani autore de "Dare vita, dare morte" - RecensioniLibri.org

Intervista a Kenji Albani autore de “Dare vita, dare morte”

dare vita dare morte

Kenji Albani ènato a Varese nel 1990 (il nome è giapponese, ma lui è italiano). Segnalato al concorso Giulio Perrone Editore nel 2008, ha poi pubblicato una ventina di racconti fra riviste letterarie locali e piattaforme on-line. Inoltre, ha pubblicato una quindicina di articoli di vario genere (dallo sportivo al culturale, passando per la paleontologia) su siti e riviste specializzati.

Parliamo subito del tuo ultimo libro, Dare vita, dare morte. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Siamo su un pianeta di fango, Atom Dum, in cui c’è una sola città, un clone di Tokyo. Un esperimento va male e nasce un kaiju di fango. Solo Clarissa Riccio, la protagonista, è capace di fermarlo. Ma come?

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Scrivo dal 20 agosto 2001 e devo dire che, più che la prosa, a me piace inventare storie. Sono molto attirato dal processo creativo, in cui inizio una storia e vado avanti inventando tutto. Certo che, se scrivo di getto, poi devo dedicare lungo tempo alla revisione.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

L’ho scritto in cinque giorni e al momento ero libero dall’università. Più che atmosfera devo dire che per me scrivere è come timbrare il cartellino. È diventato tutto meccanico.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Mi piace molto la prosa di Alan D. Altieri e cerco di rifarmi a lui. Per il racconto non saprei a quale altra opera accostarlo. Nella mia storia c’è sci-fi, ma anche thrilling.

LEGGI ANCHE:  Intervista ad Antonio Cardamone, autore de "Il Trasformista"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Magari dei pezzi industrial metal, molto futuristici e molto duri.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Ciao, mi chiamo Kenji Albani e mi impegno nella scrittura. Se leggerete “Dare vita, dare morte” spero vi piacerà.

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su