Intervista a Elisabetta Benenati, autrice de "Aether. La biblioteca di cenere" - RecensioniLibri.org Intervista a Elisabetta Benenati, autrice de "Aether. La biblioteca di cenere" - RecensioniLibri.org

Intervista a Elisabetta Benenati, autrice de “Aether. La biblioteca di cenere”

aether

Elisabetta Benenati nasce a Peschiera del Garda nel 1985. Nonostante la formazione scientifica, consolidata con la laurea in Restauro, lavora come bartender dal 2000, avviando con successo cinque attività e creando un corso base per barman. Ha passione e curiosità per tutto ciò che riguarda le scienze fisico-matematiche e segue le teorie di M.Kaku, N.Tesla, S.Hawking e A.Einstein, dai quali trae la sua ispirazione.

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Aether. La biblioteca di cenere è una storia ambientata nel 2117. Descrive le avventure di un gruppo di astrofisici impegnati nello studio degli universi paralleli. Mentre cercano di comprovare le loro teorie con un esperimento, finiscono per diventare i protagonisti di un vero e proprio viaggio ultra dimensionale. Il genere è di fantascienza ed è adatto a tutti a partire dall’età adolescienziale.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Nonostante la mia formazione prettamente scientifica mi sono sempre dilettata con la scrittura, non trovando mai il coraggio di farmi leggere. Le persone intorno a me, quelle che mi vogliono davvero bene, mi hanno dato la spinta per portare a termine questo progetto e mettermi finalmente in gioco.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Se dovessi quantificare in ore quanto tempo ho impiegato nel comporre Aether, direi circa due settimane lavorative. In realtà, essendo barista da una vita, mi sono ritrovata a scrivere di notte, proprio in un angolo del bar, tra le chiacchiere della gente e le note della musica.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Renato Bergonzi, autore de "Storia di orti funerali e comunisti"

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Non mi sento all’altezza di paragonare il mio stile ad altri, per cui non saprei chi scegliere. Mi piacerebbe riuscire a sorprendere ed essere d’ispirazione per le persone. Un rifugio sicuro, un’ancora al di fuori della realtà di tutti i giorni.

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Consiglierei la musica che ho adoperato per comporre il booktrailer, ‘Bird Passengers- Afterglow’. Mi sembra liberatoria e allo stesso tempo incalzante.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Leggere è la porta che dà accesso ad orizzonti sconfinati. Leggere ci libera di tutto, ci scrolla di dosso ogni pensiero trascinandoci più lontano di quanto possiamo immaginare… #aetherlabibliotecadicenere #elisabettabenenati #letturespaziali #books

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su