L’enigma del maniero | Cassandra Nudo - RecensioniLibri.org L’enigma del maniero | Cassandra Nudo - RecensioniLibri.org

L’enigma del maniero | Cassandra Nudo

La trama

Giulia, una giornalista in cerca di sé stessa, decide di partecipare a un corso per aspiranti scrittori in un maniero su un’isoletta sperduta. Ben presto, però, il tranquillo week-end si trasforma in un incubo per i tutti partecipanti, i quali si ritrovano ad assistere a una serie di assassinii alquanto misteriosi e inspiegabili. Giulia, curiosa e con l’istinto da cacciatrice, inizia ad indagare con l’aiuto di Marco, il nipote del Professore, proprietario del maniero. Passo dopo passo, la ragazza viene a conoscenza di importanti informazioni circa la misteriosa struttura che li ospita. Cosa nascondono quelle vecchie mura? Chi è lo spietato assassino pronto a tutto pur di ottenere il suo obiettivo? Riusciranno Giulia e Marco a evitare l’ennesima morte o verranno coinvolti direttamente nello spietato gioco condotto dall’assassino? Nonostante le difficoltà, Giulia troverà inaspettati alleati che l’aiuteranno a scoprire la verità. Forse. Copertina L'enigma del maniero di CASSANDRA NUDO

Questo è il fulcro di L’enigma del maniero di Cassandra Nudo, un romanzo intrigante, avvincente, ricco di mistero e, al tempo stesso, scorrevole nella lettura.

Direi che tutte le mie opere, non solo l’ultimo libro, possono essere inquadrate nel genere giallo, nel senso più classico del termine. La mia passione per Agatha Christie traspare moltissimo dalle mie storie. Non posso nascondere che il mio libro possa richiamare l’atmosfera che si respira leggendo ‘Dieci piccoli indiani’ della sopracitata autrice. Inoltre, mi sento di poter tranquillamente citare la serie scritta negli ultimi anni da Alice Basso (Scrivere è un mestiere pericoloso, L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome, e così via)” afferma la creatrice dell’opera protagonista della nostra presentazione.

Un’opera che ha conquistato il secondo posto al concorso internazionale per inediti ‘PEGASUS Golden Selection’, IV edizione, nella categoria Thriller, la Menzione di merito al Premio Internazionale “Michelangelo Buonarroti” Quarta Edizione – Anno 2018, nonché un’ulteriore Menzione di merito al concorso “Città di San Giuliano Milanese – Il picchio 2018” 6^ edizione.

Insomma, senza dubbio degli ottimi risultati che hanno premiato la passione e il talento di Cassandra Nudo e quanto offerto ai lettori mediante il suo romanzo.

La festa era stata divertente, i bicchieri di vino bevuti a cena avevano fatto il loro gioco, rendendo tutti un po’ più audaci del solito. Era stato un peccato dover andare a letto così presto. Un osservatore attento, però, avrebbe notato che anche in quel momento il giardino non era del tutto vuoto, anche se il silenzio era davvero assoluto. Persino gli animali notturni avevano deciso di starsene zitti, in doveroso rispetto. Il cadavere galleggiava a faccia in giù nella grande piscina deserta. La luna metteva in risalto la strana forma del corpo, con gambe e braccia aperte, a formare una macabra stella marina umana. La pace sarebbe durata ancora poco. E i programmi del giorno dopo, minuziosamente organizzati, sarebbero stati del tutto stravolti.

L’autrice

Cassandra Nudo, classe ’81, è nata Lentini (SR), per poi trasferirsi in Calabria nel 1995, dove frequenta il liceo scientifico prima e la facoltà di Ingegneria dell’Università della Calabria dopo, laureandosi in ingegneria civile nel 2006 con 110/110. Dopo un periodo passato a Brescia, attualmente vive e lavora a Genova.

Da anni affianca alla professione di ingegnere quella di scrittrice, dilettandosi nel poco tempo libero a scrivere romanzi gialli. “Scrivo fin da bambina, la mia passione per la scrittura credo sia nata insieme a me. Ho iniziato a scrivere il mio primo libro al liceo, e da allora non mi sono mai fermata: scrivo romanzi, racconti, articoli, seguo corsi e laboratori di scrittura creativa. Senza scrittura la mia vita sarebbe decisamente più vuota e meno interessante, così come sono molto grata anche alla lettura, che mi ha aperto nuovi e impensabili mondi” ci dice a proposito della grande passione che l’ha portata a pubblicare varie opere: il racconto ‘Storie di vita vissuta, a ritmo di musica” nell’antologia ‘Crisalide’ edita da Edizioni Drawup (2012); sempre con Edizioni Drawup, il romanzo giallo ‘Un’estate perfetta’ (2013); il racconto presente nell’antologia ‘Chi ha avvelenato il commissario Letta?‘ edito da Montegrappa Edizioni (2017); sino alla pubblicazione, nel 2018, del suo secondo romanzo giallo, ‘L’enigma del maniero’, edito da Pegasus Edizioni.

A chi dedica questo suo ultimo lavoro letterario? L’autrice non ha alcun dubbio in merito: “Il libro lo dedico a tutte le persone che mi sono sempre state vicine, che hanno creduto in me quando sono venute a sapere che lo stavo scrivendo e, soprattutto, a chiunque abbia la voglia e la pazienza di leggerlo. Senza lettori uno scrittore non ha alcuna ragione d’esistere”.

Attraverso la lettura del romanzo in esame, e delle altre creazioni della Nudo, è possibile percepire l’importanza che la scrittura ha nella sua vita, nonché la notevole attenzione che dedica a ciò che scrive, allo scopo di ‘regalare’ al lettore una piacevole occasione di condivisione e crescita.

In fatto di progetti futuri, l’autrice sta già lavorando alla stesura della terza avventura di Giulia, che seguirà Un’estate perfetta e L’enigma del maniero.

QUI potete leggere la nostra intervista a Cassandra Nudo.

Lo stile

A chi si è ispirata Cassandra Nudo per dare vita alle vicende raccontate in L’enigma del maniero? “La protagonista, Giulia, presenta molti tratti caratteriali simili ai miei (la passione per la lettura, per la scrittura, la testardaggine, la caparbietà). Nasce da un mix tra i vari investigatori dilettanti di cui è pieno il mondo dei gialli, ma questo è stato solo il punto di partenza. Le sue caratteristiche peculiari sono venute fuori man mano che la storia si è sviluppata – ci rivela l’autrice – l’ambientazione del posto in cui si svolge la storia, invece, è ispirata alla location in cui ho personalmente seguito un corso di scrittura creativa. Appena sono arrivata in quell’hotel ho subito pensato che potesse essere lo scenario ideale per un libro e, dopo averci ragionato un po’ su, è nato L’enigma del maniero. E dal momento che l’intera vicenda si svolge in un antico maniero, sede del corso di scrittura creativa a cui Giulia e tutti gli altri aspiranti scrittori partecipano per un intero week end, mi è sembrato doveroso omaggiare il maniero rendendolo protagonista del titolo”.

Come evidenziato a inizio presentazione, si è ispirata anche a degli autori molto celebri, come ci confida la stessa Cassandra: “Agatha Christie, la regina indiscussa del giallo. I suoi libri mi hanno accompagnato lungo tutta la mia adolescenza, facendomi appassionare al genere giallo che, ancora oggi, resta il mio preferito. Altro autore importante è stato Stephen King, un vero maestro dell’horror. Ricordo con piacere le notti intere passate nascosta sotto le coperte, per non farmi vedere da mia mamma, a leggere i suoi libri, da cui non riuscivo a staccarmi. Infine, uno scrittore che mi ha appassionato qualche anno più tardi è stato, ma lo è tuttora, Dan Brown, che con le sue avventure mozzafiato mi ha regalato ore piacevolissime”.

Il romanzo della nostra autrice è la lettura ideale per chi ama il genere giallo tradizionale, senza distinzione di genere e di età. Caratterizzato dalla presenza di un linguaggio abbastanza chiaro e non pretenzioso, è adatto anche ai giovanissimi che si approcciano per la prima volta al genere letterario in questione.

 

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *