Intervista a Carmine Ciaccia, autore de "Full Metal Mind - Storie di elementi e menti" - RecensioniLibri.org Intervista a Carmine Ciaccia, autore de "Full Metal Mind - Storie di elementi e menti" - RecensioniLibri.org

Intervista a Carmine Ciaccia, autore de “Full Metal Mind – Storie di elementi e menti”

Full Metal Mind

Carmine Ciaccia nasce a L’Aquila nel 1982. Frequenta l’Accademia Militare di Modena dal 2001 al 2003 e la Scuola di Applicazione e Istituto di Studi Militari dell’Esercito dal 2003 al 2006 dove consegue la Laurea Magistrale in Scienze Strategiche. Ha partecipato a diverse operazioni di supporto alla pace in ambito NATO e EU, dalla Bosnia all’Afghanistan, dal Kosovo al Libano.

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Full Metal Mind – Storie di elmetti e menti” è una raccolta di racconti che ruota attorno alla figura del militare. Il libro nasce da una necessità di comunicare le emozioni e i sentimenti che spesso vengono celati dal concetto stereotipato della divisa. Nella stesura dei racconti ho affrontato tematiche moderne, dalla minaccia jihadista al post traumatic stress disorder.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Scrivo per dare all’anima uno sfogo, per fare in modo che le mie emozioni possano trovare un luogo dove rimanere impresse. La scrittura per me è una sorta di macchina fotografica: immortala momenti diversi della mia vita, dei miei sentimenti.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Questo libro nasce come erede morale di “Dagli occhi di un soldato” (2014) e che ha trovato inaspettatamente un ampio e piacevole consenso tra i lettori. Il mettere in risalto la parte emozionale dell’essere soldati ha rappresentato e rappresenta un progetto unico ed apprezzato, pertanto ho continuato a dar voce a quei sentimenti spesso celati da una divisa. Ho impiegato circa 4 anni per scriverlo.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Linda Lercari, autrice de "L'ombra di cenere"

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Baricco è un esempio. Molto più di uno scrittore. Un pittore rinascimentale che pennella parole mozzafiato e incantate, che lasciano il desiderio di voler vivere nelle sue storie ed esserne i protagonisti.

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

La colonna sonora del mio libro è assolutamente Soldato dei Nomadi. Canzone ai più sconosciuta ma dalla melodia trascinante e dalle parole molto significative.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Un soldato non è soltanto il suo fucile, i suoi anfibi e il suo elmetto. Un soldato è molto di più. Un soldato è soprattutto cuore, passioni e mente! Emozioni FULL METAL MIND!

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su