Intervista a Florian Iberhasaj, autore de "Chris e Lucy - Storia di un giovane latitante" Intervista a Florian Iberhasaj, autore de "Chris e Lucy - Storia di un giovane latitante"

Intervista a Florian Iberhasaj, autore de “Chris e Lucy – Storia di un giovane latitante”

Chris e Lucy

Florian Iberhasaj, 19 anni, sin da piccolo nutre una passione per la scrittura. Da anni si diletta a scrivere nel tempo libero arrivando così a meno di vent’anni a vantare già tre libri all’attivo. In questa intervista ci parla del suo Chris e Lucy – Storia di un giovane latitante.

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

É un romanzo tratto da una storia vera dove si racconta la storia d’amore di due giovani ragazzi nonché i protagonisti: Chris e Lucy. Chris un giovane ragazzo di origini albanesi, abbandonato dai suoi cari in età infantile, conobbe Lucy quando entrò a far parte della Mafia, credette che quella sarebbe stata la fine ma il tempo svelò che quella ragazza era la sua salvezza.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Il mio amore per la scrittura nasce all’età di 15 anni, quando tutti i miei coetanei preferivano giocare a calcio, mentre io mi chiudevo dentro la mia stanza con la musica a sottofondo a scrivere.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Per scrivere il mio terzo libro ci impiegai un mese e mezzo. Non ho un ambiente fisso dove ho una maggiore concentrazione, per me importante è avere a portata di mano carta e penna, il luogo non è importante.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Credo Roberto Saviano, mi piacciono i suoi libri, il suo coraggio e l’aspirazione che trasmette ai giovani ragazzi. Mi sono ispirato maggiormente a lui nel scrivere il mio secondo libro che presto sarà in vendita dove denuncio, racconto e documento i collegamenti della mafia italiana con quella albanese.

LEGGI ANCHE:  Intervista ad Anna Macrì, autrice de "Malamore, quando il male marchia il ventre delle donne"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Sicuramente sceglierei: Beethoven Moonlight Sonata.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Quando sembra che è finita è proprio allora che inizia la vera sfida ricordati che in diversi momenti per quanto semplice possa sembrare mollare non è la miglior strada se si vuole gareggiare.

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su