Intervista ad Anna Di Donato e Rosa Anna Buonomo, autrici de "Energya" Intervista ad Anna Di Donato e Rosa Anna Buonomo, autrici de "Energya"

Intervista ad Anna Di Donato e Rosa Anna Buonomo, autrici de “Energya”

Energya

Anna Di Donato nasce a Pescara nel 1982. Giornalista pubblicista, addetto stampa, già autrice del libro “Che tutto può e ti ruba il cuore”, menzione d’Onore Premio Histonium 2013. Questa è la sua seconda opera. Rosa Anna Buonomo, collabora con il quotidiano Il Centro d’Abruzzo e gestisce diversi uffici stampa. É stata coautrice dello spettacolo di teatro musicale “Snaturate”.

Parliamo subito del vostro ultimo libro. Raccontateci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Una giornalista, due società segrete e un filtro che inibisce le emozioni. “Energya”, scritto a quattro mani dalle giornaliste Anna Di Donato e Rosa Anna Buonomo, è il primo di due romanzi fantasy incentrati sull’eterna contrapposizione tra bene e male. Il libro racconta la storia di Blake Mirror, giornalista freelance che si ritrova coinvolta, suo malgrado, nella lotta tra due società segrete.

Parlateci di voi e del vostro amore per la scrittura: come nasce?

Siamo da sempre appassionate di scrittura ed entrambe giornaliste. Amiamo osservare e raccontare ciò che ci circonda.

Quanto tempo avete impiegato a scrivere questo libro? Descrivete un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lasciate che i lettori possano immaginarvi mentre siete intente a scrivere.

Abbiamo impiegato pochi mesi. Avevamo già tutta la storia in mente, è bastato mettere nero su bianco tra un impegno e l’altro. Essendo due autrici, abbiamo dovuto organizzarci per riuscire a scrivere insieme. Ci siamo divise tra le rispettive case e abbiamo lavorato anche via Skype. Abbiamo cercato di entrare il più possibile nei personaggi.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Non ci sentiamo di paragonarci a nessun autore presente o passato. Nei sogni ci piacerebbe somigliare tanto a Jane Austen ma appunto, sono solo sogni.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Stella Nosella, autrice de "Sebastian's Chronicles - i libri che non esistono"

Se doveste consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del vostro libro, cosa scegliereste?

Summer of ’69 di Bryan Adams perché è un libro molto rock.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Se volete leggere qualcosa di nuovo, emozionante e coinvolgente, Energya è il libro che fa per voi. Vi terrà col fiato sospeso soprattutto alla fine…

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su