Intervista a Silvia Pallini, autrice de "Tre domande per guarire" Intervista a Silvia Pallini, autrice de "Tre domande per guarire"

Intervista a Silvia Pallini, autrice de “Tre domande per guarire”

Pallini

Silvia Pallini è operatrice olistica, scrittrice, vive e lavora a Calenzano (FI). Conduce seminari, gruppi e una scuola di formazione. Ha messo a punto uno strumento di lavoro che chiama Costellazioni Multidimensionali. In questa intervista ci parla del suo Tre domande per guarire.

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

È un saggio, che però parte dalla mia storia personale, e che ha lo scopo di accompagnare le persone verso il proprio benessere. Sono convinta che ogni persona sia una meraviglia e che godere pienamente della propria vita sia non solo un diritto ma anche un atto d’amore, per se stessi e per gli altri. Nel libro parlo della relazione tra i sintomi fisici e il nostro modo di vivere.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

A seguito di un periodo molto difficile, dopo la morte dei miei genitori, sono caduta in una forma gravissima di depressione da cui, secondo i medici non sarei guarita. Invece la Vita mi ha aperto molte porte e, sebbene con molto impegno, ho cambiato completamente vita, compresa la professione. Ora sto molto bene e accompagno le persone a creare la vita che vogliono. Scrivo per condividere…

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Un anno per scrivere, ho scritto spinta dalla voglia di offrire qualcosa che potesse essere d’aiuto per chi sta attraversando momenti neri. Poi ho tenuto il libro fermo per due anni perché non credevo valesse la pena pubblicarlo. Adesso sono molto contenta che sia disponibile, ha già offerto stimoli positivi a tante persone.

LEGGI ANCHE:  Mohamed Saji - Diario di un malvivente

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Non saprei… ci sono molti autori che amo ma non aspiro a somigliare a nessuno, non ci ho mai pensato. Mi piacciono le persone che parlano con il cuore partendo dalle proprie esperienze di vita.

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Nuvole bianche di Einaudi

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

La Vita è troppo bella per essere sprecata, ognuno di noi è molto più potente di quello che crede e investire su se stessi e sulla propria felicità e realizzazione mi sembra sia fondamentale. Non è più il tempo di accontentarsi, é il tempo di osare.

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su