Intervista a Robert Rinaldin, autore de "Daren Reed e le anime antiche" Intervista a Robert Rinaldin, autore de "Daren Reed e le anime antiche"

Intervista a Robert Rinaldin, autore de “Daren Reed e le anime antiche”

Daren Reed

Robert Rinaldin nasce nel 1990 e cresce in un piccolo paese in provincia di Padova. Si diploma geometra nel 2010 e successivamente consegue la laurea magistrale in Psicologia Clinica nel 2016. Durante la sua vita ha praticato per diversi anni kick boxing e ninjutsu. Da sempre appassionato di antico Egitto, astronomia e scrittura, unisce tutte le sue più grandi passioni nel libro di cui ci parla, ovvero Daren Reed e le anime antiche

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Daren Reed e le anime antiche è un libro fantasy nel quale il protagonista scopre di avere una seconda anima dentro di sé, molto antica, che aumenta il flusso energetico rendendo possibile controllare gli elementi e richiamare un’arma divina. Daren viene rapito e portato in una scuola per essere addestrato per combattere i ribelli, ma durante le sue missioni scoprirà cosa sta succedendo veramente.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Il mio legame con la scrittura inizia quando avevo 19 anni. Mi è sempre piaciuto annotare i miei pensieri, le mie idee e i miei sogni in un quaderno per poi poter analizzare quello che la mia mente produce e confrontare le mie idee con ciò che mi circonda. La scrittura è una testimonianza importante che ci permette di estendere la nostra mente attraverso la carta e ci permette di imparare sempre.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Ho iniziato a scrivere la storia di Daren Reed nel lontano 2009 seduto sulla sedia della mia scrivania e l’idea arrivò mentre pensavo a come potessero alcune persone avere delle abilità più sviluppate rispetto agli altri e l’illuminazione arrivò. Dopo un periodo di latenza feci leggere la storia ad una persona per me molto importante e lei mi diede la forza di continuare e finire la storia.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Carla Menon, autrice de "Quadri Veneziani"

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

I libri che più mi hanno segnato sono stati quelli di J.K. Rowling e di Christian Jacq, che descrivono un mondo magico e antico allo stesso tempo con molti riferimenti storici importanti. In Daren Reed possiamo vedere degli aspetti “magici” quando si parla del controllo degli elementi e delle armi divine, ma anche aspetti legati alle epoche passate quando si scopre il mondo delle anime antiche.

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Consiglierei un sottofondo che non disturbi la lettura, una colonna sonora lenta, ma che attraverso delle buone note basse possa richiamare un senso di mistero e di scoperta. Qualche nota di piano e di violino potrebbe rendere la lettura più piacevole e accattivante senza distrarre il lettore da ciò che sta leggendo. Consiglierei inoltre di scegliere il brano in base ai propri gusti ed emozioni.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Spero che Daren Reed e i suoi amici possano accompagnarvi in un’avventura piena di energia e di colpi di scena con i loro elementi e le loro armi divine. Seguite sempre l’anima che è dentro di voi! Buona lettura!

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su