Intervista a Luciana Chittero, autrice de "San Lorenzo - Il mistero della Pietra" Intervista a Luciana Chittero, autrice de "San Lorenzo - Il mistero della Pietra"

Intervista a Luciana Chittero, autrice de “San Lorenzo – Il mistero della Pietra”

San Lorenzo - Il mistero della Pietra

Luciana Chittero, nata a Sanuri (a due passi dal castello di Eleonora d’Arborea) vive a Vicenza da moltissimi anni. I suoi racconti e le sue poesie hanno ottenuto il consenso dei lettori e della critica. E’ attiva con conferenze e presentazioni presso numerosi circoli culturali, anche all’estero. San Lorenzo – Il mistero della Pietra è il suo terzo romanzo.

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Partendo da una pietra, probabilmente una lapide, situata nel Chiostro di San Lorenzo, ho ricostruito la vita del protagonista che dopo mille peripezie è arrivato a Vicenza e ha partecipato alla battaglia contro i Padovani il 15 aprile 1311.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Sono sempre stata un’accanita lettrice, un giorno ho sentito l’esigenza di fissare sulla carta una forte emozione. Così è nato il racconto ‘Gerani’. Visto che ai lettori piace ciò che scrivo, ho continuato a farlo.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Per scrivere il libro ho impiegato circa due anni, perché anche se il protagonista è una mia invenzione, egli doveva rendere verisimile “Quel Gentiluomo di Germania” venuto a morire a Vicenza di cui parla il Pagliarino, perciò ho dovuto fare ricerche in biblioteca e negli archivi e soprattutto mi è piaciuto gironzolare per la città di Vicenza alla ricerca delle tracce trecentesche.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Per questo libro, necessariamente mi sono dovuta ispirare al Manzoni per lo stile e a Walter Scott per la vita del cavaliere e per i tornei.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Massimo Acciai Baggiani, autore de "La compagnia dei viaggiatori del tempo"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Musica per liuto o tiorba.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Non ho mai scritto un tweet. Invito i lettori a leggerlo, si divertiranno e impareranno molte cose.

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su