Intervista a Elisabetta Sabato, autrice de "Vite fragili" Intervista a Elisabetta Sabato, autrice de "Vite fragili"

Intervista a Elisabetta Sabato, autrice de “Vite fragili”

Elisabetta Sabato scrive per passione, ma anche per lavoro creando redazionali per aziende. Con il libro Vite Fragili ha vinto il 3° Premio Nazionale Pescara Abruzzo. Ha dato vita alla raccolta poetica pluriennale dal titolo Un viaggio lungo un respiro (ed.2007 Akkuaria), dalla quale vengono menzionati brani in antologie dedicate a Venezia e Palermo.Con Le cicatrici dell’ intelligenza è stata selezionata come scrittrice emergente.

Parliamo subito del tuo ultimo libro, Vite fragili. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

È il racconto delle vite di tanti …tutti apparentemente forti, felici e di successo, ma anche profondamente segnati dalle vicende quotidiane. Eroi che come elefanti audaci diventano fragili dinanzi al più piccolo topolino.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Ho sempre avuto tanti pensieri, una fervida immaginazione e una ricca attività onirica, così fin da piccola ho iniziato a scrivere per tenere traccia di ciò che raccoglievo di giorno e rielaborato di notte. Gli scritti adolescenziali sono andati persi, ma dall’ età di ventitrè anni ho raccolto e custodito anche semplici appunti.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Ho iniziato a scrivere il romanzo nel 2007 e ho terminato nel 2011. Ho raccolto vicende e fatti, riscrivendoli secondo i miei occhi, con una chiave puramente personale. Molto ho scritto di notte a lume di candela. L’ elaborazione e gli ultimi epiloghi, invece, li ho scritti di giorno, in campagna.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Forse aspiro a scrivere come Isabelle Allende, per i dettagli descrittivi dei luoghi, infatti uso come lei, tutti i sensi coinvolti nella percezione della realtà. Ma anche a Ernesto Sabato (similitudine anche di cognome) per la scelta degli epiloghi e dei fatti salienti da raccontare.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Maria Grazia Fasciana, autrice de "La coerenza di Milo"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Haydn sinfonia 88 movimento 4 diretto da Bernstein, consiglio a tutti di guardare e ascoltare il video, perchè penso sia una chiara lettura di come pur stravolgendo le regole e reinventando un “modo” tutto personale, si possa raggiungere un obiettivo chiaro di successo. Il brano è breve rispetto alla lettura del libro, ma a quel punto si potrebbe ascoltare ancora Haydn alternato a Vinicio Capossela.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Tu… Io … uguali! Eppure profondamente diversi. Tu leggi, io scrivo … insieme con un intento comune, la stessa sinfonia.

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su