Intervista a Angela Barbieri, autrice de “120 giorni – L’equipe di un Hospice racconta” | RecensioniLibri.org Intervista a Angela Barbieri, autrice de "120 giorni - L'equipe di un Hospice racconta"

Intervista a Angela Barbieri, autrice de “120 giorni – L’equipe di un Hospice racconta”

Angela Barbieri, di Roma, classe ’68, è Infermiera Professionale. Vincitrice della prima edizione del premio nazionale letterario “Un Fiorino” con il testo ” Io vado scalza”, ha conquistato anche  il premio Perseide con “Il lupo è veramente cattivo” e, con lo stesso, è finalista al Concorso Sanremo Writers

Parliamo subito del tuo ultimo libro, 120 giorni – L’equipe di un Hospice racconta. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

120 giorni – L’equipe di un Hospice racconta è uno spaccato di una realtà difficile da raccontare e da vivere. I fatti narrati sono realmente accaduti all’interno dell’Hospice in cui svolgo il mio lavoro da infermiera; naturalmente sono stati romanzati per dare al testo un filo conduttore e per permettere al lettore di capire.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Scrivere è sentire e trasmettere quelle emozioni senza le quali, non sarei nessuno. Mettere nero su bianco mi regala un’identità, l’unica che riconosco come veramente mia.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Ho impiegato circa tre anni a scrivere il mio ultimo libro: la vera difficoltà è stato affrontare un tema come la morte in modo positivo o meglio, restituendo alla morte, il ruolo naturale che ha nelle nostre vite senza scendere in ridondanti luoghi comuni. Ho preferito lasciarmi emozionare da ciò che vivevo e scriverlo, spesso durante i turni di notte al lavoro.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Ammiro e stimo tantissimo Andrea Camilleri: in molti dei suoi libri ha tratto spunto da episodi del suo passato, intorno ai quali è riuscito a costruire storie bellissime.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Yosella Caponnetto, autrice de "Ti ascolto. Mi ascolti? La comunicazione efficace come Dio comanda"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

I Negramaro.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Difficile parlare di me, preferirei foste voi, dopo avermi letto: nei miei libri c’è quello che di me, difficilmente riesco a dire. Vi aspetto!

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su