Intervista a Marco Parisi, autore de "HIPERIONIDI - l'alba degli dei" Intervista a Marco Parisi, autore de "HIPERIONIDI - l'alba degli dei"

Intervista a Marco Parisi, autore de “HIPERIONIDI – l’alba degli dei”

Marco Parisi, è nato ad Avellino, è un poeta, scrittore ed attualmente aiuto commercialista presso uno studio professionale. Redattore presso la rivista letteraria on-line di Napoli “La Cooltura, ha pubblicato nel settembre del 2016 il suo primo libro Hiperionidi – l’alba degli dei, una tetralogia fantasy sui miti greci. Nel 2018 dovrebbe uscire il secondo libro della saga. 

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

I figli del titano Hiperione, Aurora, Elio e Selene, intraprendono un viaggio nel Mar Mediterraneo alla ricerca del padre, incarcerato per volere di Crono perché sospettato di voler ambire alla sua corona. Tra amori, naufragi e congiure riusciranno a raggiungere il “Meridiano Zero” aldilà dei Monti Urali dove sono imprigionati ambo i genitori nell’ultimo anno della titanomachia?

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Nasce grazie esclusivamente alle insegnanti di lettere che ho avuto sin dalle scuole elementari, le quali hanno avuto il merito di farmi amare molto gli elaborati (romanzi e poesie) dei vari filoni letterari che si sono susseguiti dal trecento sino a tutt’oggi.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Ho impiegato tre anni per scrivere questo libro! I protagonisti si trovano nel Mediterraneo dove affrontano vari pericoli per colpa dei venti sfavorevoli, poi s’immergono nelle variegate realtà dei luoghi dove naufragano, e qui intraprendono relazioni, anche sentimentali, molto importanti che condizioneranno molto le loro gesta.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Mi piacciono vari autori del passato ed ognuno di loro ha influenzato profondamente il mio modo di scrivere: cito uno su tutti Pirandello, poi Verga e Manzoni, comunque lo scrittore in assoluto che preferisco è Leopardi, pur essendo un poeta. Oggigiorno purtroppo non riesco ad avere uno scrittore “maestro”, ovvero uno che riesca ad ispirarmi particolarmente.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Marina Atzori, autrice de "Ladybug Storia di una ghostwriter"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Pirati dei Caraibi (He\’s Pirate). Mi dà quell’adrenalina necessaria che rende i miei personaggi vivi e che affrontano anche delle epiche battaglie soprattutto nella prima parte del libro (scontro tra gli Hiperionidi ed i telchini di Rodi), poi c’è lo scontro tra Elio ed il principale antagonista del romanzo, ovvero Astreo, il titano delle stelle ed usurpatore del trono del sole del padre Hiperione.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Salve Omnes. Saluto con affetto ed amore tutti quanti i lettori di RecensioneLibri.org e che l’aurora, il sole e la luna illuminino sempre le vostre vite e, non dimenticate mai, che “la felicità gira tutta intorno a voi” (cit. Hiperionidi).

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su