Eroi della Frontiera | Dave Eggers - RecensioniLibri.org Eroi della Frontiera | Dave Eggers - RecensioniLibri.org

Eroi della Frontiera | Dave Eggers

Eroi della FrontieraUna delle tematiche più affascinati e frequenti nel panorama narrativo e non solo, continua a essere sicuramente quella dei viaggi, con le loro innumerevoli sfaccettature.
Tra iniziative di vario tipo i personaggi si cimentano in avventure al limite della ragione per i più svariati scopi. Il più ricorrente è certamente quello di fuggire dalle proprie vite oppure dalla civiltà moderna con i suoi ritmi frenetici e le sue contraddizioni.

Eroi della Frontiera, scritto da Dave Eggers ed edito da Mondadori, ricalca questa tematica, ripercorrendo il viaggio un po’ sconsiderato e improvvisato dei protagonisti che tentano di fuggire dalle proprie responsabilità, per poter ritrovare la forza di andare avanti.

Il romanzo ruota intorno al viaggio intrapreso dalla quarantenne Josie, un’ex dentista dell’Ohio, che per dare una svolta alla propria opprimente vita decide di noleggiare un camper e allontanarsi dalla città, portando con sé i suoi due figli, Paul di otto anni e Ana, di cinque.

Se la sua intenzione iniziale era quella di andare a trovare la sorellastra Sam, in Alaska, per una serie di vicissitudini – che si susseguiranno capitolo dopo capitolo – il progetto iniziale si trasformerà in un viaggio senza meta, dove l’unico scopo risulterà essere quello di scappare dalle proprie responsabilità. Il divorzio da Carl, una denuncia penale a proprio carico sporta da una sua paziente che le è costata la poltrona e, soprattutto, il senso di colpa legato alla morte Jeremy, il baby sitter dei suoi bambini, che Josie aveva incoraggiato ad arruolarsi nei Marines e caduto vittima di un attentato in Afghanistan.

Nel tentativo di dare corpo alla propria di interpretazione di fuga dalla civiltà, Dave Eggers crea dei personaggi che appaiono alquanto forzati. Allo stesso tempo, i dettagli con cui l’autore arricchisce la narrazione risulteranno fin troppo abbondanti, a tratti assurdi.

Più che creare dei protagonisti per il proprio racconto, Dave Eggers pare si sia impegnato a creare delle vittime: il confine tra le due figure è piuttosto sottile e sta alla maestria dello scrittore creare il giusto equilibrio.

Josie risulterà appunto più una vittima allo sbaraglio, che una protagonista ed Eggers, invece di creare un personaggio dalla struttura solida e ben caratterizzata, sembra aver volontariamente forzato la mano nel descriverla come una donna totalmente in balia dei propri tormenti. 
Lo stesso dicasi per gli altri protagonisti, in modo particolare per Paul e Ana, che appaino altrettanto innaturali nelle loro stesse reazioni.
Tutto sommato però, questi personaggi, hanno il pregio di funzionare all’interno della storia, portando il lettore ugualmente ad apprezzarli seppur con qualche riserva.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Elisa Binda, autrice de "Unconventional Fairy Tales for Unconventional Families"

Nonostante questa sorta di difetto permanga in ogni singola pagina del romanzo, “Eroi della Frontiera” risulterà una buona lettura, con molti spunti interessanti su cui riflettere e far confrontare il lettore con la realtà di tutti i giorni.

Josie, infatti, riesce a rappresentare bene l’individuo che oggigiorno barcolla davanti alla società civile.

Con l’aiuto di alcune allegorie ben congegniate e assai verosimili, Dave Eggers porta in superficie tutto il marcio che si nasconde dietro alle buone maniere, all’educazione e ai sorrisi della gente che crediamo di conoscere, ma che è pronta a pugnalarci alle spalle alla prima occasione.

Tralasciando il lato avventuroso del romanzo, caratterizzato dalla descrizione minuziosa di ogni paesaggio, luogo, persona ed evento a cui andranno incontro Josie e suoi figli, lo scopo di Dave Eggers e dei suoi Eroi della frontiera sarà quello di descrivere una sorta di cammino verso un nuovo modo di affrontare la vita.
Da persona passiva e vittima delle cattiverie altrui, Josie dovrà tirar fuori tutto il suo coraggio e la sua determinazione per poter fare finalmente i conti con se stessa e avere la forza di affrontare le difficoltà. In questo i suoi due figli, Paul soprattutto, saranno determinanti in questo suo cammino evolutivo.

Pur con qualche imperfezione legata ai personaggi, un po’ forzati nei propri ruoli e con qualche reazione in grado di far storcere il naso, “Eroi della Frontiera” di Dave Eggers è un romanzo coinvolgente, in grado di far salire anche il lettore sul camper di Josie e dei suoi figli, per accompagnarli in un viaggio che ha come unico scopo quello raggiungere la meta più importante di tutte: ritrovare se stessi.

Autore: Luigi Russo

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *