Dannati – La porta delle tenebre di Glenn Cooper

La porta delle tenebre di Glenn CooperI libri di Glenn Cooper sono l’ideale per quei lettori che hanno sete di conoscere e fanno diventare accaniti anche i lettori più pigri. Il grado di coinvolgimento ed attenzione è sempre molto sopra le righe. C’è di tutto un po’ nei suoi romanzi: adrenalina, ansia, suspence, senza tralasciare attimi di dolcezza e tenerezza. In questo secondo capitolo di Dannati. La Porta delle Tenebre (Editrice Nord), c’è un tratto in più: l’istinto materno.

Avevamo concluso il primo capitolo, tirando un enorme sospiro di sollevo: Emily e John, nonostante le peripezie e le tante difficoltà affrontate all’Inferno, si erano ritrovati ed avevano fatto ritorno nella nostra dimensione. L’incubo dell’Oltre senza finito una volta per tutte, fino a che altri dannati, e questa volta in numero nettamente superiore alle volte precedenti, si ritrovano intrappolati sulla Terra. La spiegazione è quasi ovvia.

I tanti tentativi di riportare indietro John ed Emily hanno affievolito il confine tra le due dimensioni allargando il varco. Così facendo, inaspettatamente dall’Oltre nuove presenze hanno invaso la Terra, occupando un raggio più ampio rispetto a quello che era avvenuto durante i primi avvi del MAAC. Inizialmente la cosa viene presa molto sottogamba: qualcuno ritornerà dall’altra parte a recuperare i civili. Se non fosse che all’Inferno sono finiti la sorella e i nipoti di Emily. Allora il tutto diventa una corsa contro il tempo e non solo per il fatto di essere dei vivi in un regno di morti. Non esistono bambini nell’Oltre, sono anime pure, immuni alla corruzione, quindi la loro vita è davvero in pericolo, perchè sicuramente appena si verrà a sapere in giro della loro presenza, verranno utilizzati come merce di scambio per ottenere la benevolenza dei personaggi più potenti, soprattutto una volta venuti a sapere dei legami che hanno con John ed Emily. Diciamo che i nostri amici non godono di buona reputazione all’Inferno. Soprattutto John, che dovrà rivedersela con Enrico VIII. Eh già, perchè sia lui che Emily decidono di ritornare indietro e questa volta la consapevolezza di ciò che li attende sarà loro utile?

LEGGI ANCHE:  Una lunga estate crudele di Alessia Gazzola

Non sono tutti malvagi all’Inferno, anche se è difficile crederlo, ma pare che ci siano persone di buon cuore. Anche se in vita si sono macchiati di atroci reati, nell’Oltre conducono una vita devota al fine ultimo di far regnare la pace, proprio come hanno cercato di fare in vita. E sono proprio questi illustri personaggi, che aiuteranno Emily e John nella ricerca disperata dei bambini, consci anche dei pericoli che corrono.

Nuovi e vecchi personaggi si affacciano in queste nuove pagine, che scorrono velocemente, per nulla appesantite da tecnicismi contorti del caso, affrontando il delicato quanto complicato mondo della fisica quantistica. Ovviamente consiglio questo libro a chi ha letto Dannati. Anche se può sembrare una storia a sé stante, i riferimenti al primo viaggio nell’Oltre sono tanti. Quindi invece direi che è arrivato il momento di recuperare. Il finale lascia l’amaro in bocca: non può Glenn decidere di concludere ogni volta i suoi romanzi lasciandoci così in sospeso. Inutile dire che aspetto pazientemente l’autunno. Infatti a Novembre uscirà il capitolo finale. E sono già in apprensione: quest’attesa è un inferno. Che il mondo così come lo conosciamo sia destinato a soccombere all’Oltre?

Autore: Samanta Di Giorgio

Originaria di un paesino della Basilicata. Ho scoperto il piacere della lettura tardi e, combattuta tra cartaceo e digitale, amo i romanzi rosa da batticuore, i thriller che mozzano il fiato, gli horror che tolgono il sonno, i fantasy e le graphic novel che mi risvegliano la creatività, e i classici, che reputo indispensabili.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest