Bambole gemelle, il thriller “specchio” di Marina di Guardo

Bambole gemelle di Marianna di Guardo recensioneMelissa e Cheryl, una villa bianca e il Nevada. Amanti dei thriller e non, vi consiglio caldamente la lettura del nuovo romanzo breve di Marina Di Guardo, Bambole gemelle: pubblicato da Zoom, il marchio digitale di Feltrinelli, conta meno di cento pagine dai toni serrati, incalzanti e che non vi lasciano tregua.

La trama

La trama vede protagonista la giovane Melissa, la quale a causa della scomparsa della sorella Cheryl, si trova costretta a tornare a Minden nella villa di famiglia. Ormai sola anche per via dell’ulteriore perdita dei suoi genitori, la ragazza è obbligata a scegliere se vendere la casa o stabilirsi definitivamente in quel luogo magico che le ricorda la spensieratezza e l’infanzia, ma che allo stesso tempo evoca dolori e perdite. Ritrova così i suoi amici di infanzia, la determinata Natasha diventata poliziotta e Paul, affascinante e misterioso uomo d’affari. La sensibilità di Melissa e l’intraprendenza di Paul fanno inevitabilmente scattare la scintilla tre i due; corteggiamento nel più classico dei modi, inviti a cena e regali a sorpresa. Paul cerca in tutti modi di conquistare la ragazza, ancora turbata per la situazione familiare, ossessionata per non essere stata in grado di trovare la sorella scomparsa nel nulla. Quando Melissa si lascia andare, abbattendo i muri che aveva costruito attorno a sé, come un tentativo di protezione da quel mondo crudele, insidioso e pericoloso che l’aveva messa a dura prova, Paul inizia a manifestare richieste inusuali, anomale, talvolta controverse a metà tra sadomaso e bondage. Combattuta e affascinata allo stesso tempo, Melissa acconsente. L’irruenza della passione tra i due evolve in una sorta di gioco di ruolo: Paul fa indossare alla ragazza abiti di trine e merletti travestendola da bambola gotica, dal viso di porcellana e i lunghi boccoli sulle spalle. Una bellezza inespressiva, insignificante, a tratti grottesca e surreale. All’interno di questo quadretto barocco evolvono le richieste avanzate dall’uomo: è il tentativo di una ricerca spasmodica e instancabile di quella perfezione fasulla e per niente reale cui Paul vorrebbe possedere.

LEGGI ANCHE:  Basil | Wilkie Collins
Siamo “Dust in the wind” e le cose ci sopravvivono. Granelli di polvere che finiranno spazzati via. Destinati a rimanere una bruma di illusioni. La camera di Cheryl. Anche quella prova voleva affrontare. Melissa la dura. Aprì la porta, l’unica che era accostata. Melissa che non ha paura di niente.

La critica

Bambole gemelle è l’analisi di un interfaccia speculare, quella delle sorelle Melissa e Cheryl, così identiche fisicamente, nell’espressione del viso e così nettamente in contrasto. La prima determinata, intraprendente e combattiva, l’altra così fragile, insicura e vittima. Un gioco tra gli uguali – opposti, tra dicotomie azzardate e ossimori concreti. Una storia di venerazione esasperata e di ossessione elevata a potenza, sempre più fitta e carica di elementi nascosti. L’autrice riesce a trasmettere l’idea dell’emergenza, della velocità e dell’impellente attraverso il ritmo fitto delle frasi, dei pensieri di Melissa e delle azioni non programmate dei protagonisti. Una storia paradossale ma allo stesso tempo inquietante e possibile, perché quando l’ossessione degenera in follia, a volte, la si può trovare dove non ti aspetti. Da leggere, meglio se tutto d’un fiato.  

di Gaia Di Giorgio
twitter:  @Gaia_DiGiorgio
gaiadigiorgio89@gmail.com

Autore: Gaia Di Giorgio

Appassionata da sempre di scrittura, amo perdermi tra le pagine del vecchio e caro cartaceo. Dopo la laurea di primo livello ho deciso di proseguire gli studi. Frequento la Facoltà di Lettere e Filosofia presso l'Ateneo di Palermo. Ho tante passioni: scrivo, dipingo e fotografo il mondo... Tutte cose che permettono di bloccare un istante, un'emozione... e renderla eterna.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest