La storia di Gianni, il disabile con le ali, non è una favola

Gianni, l’Elefantone, a volte è leggero come una piuma, altre non lo tiene fermo nessuno. È il disabile toscano “pazzerello”, già noto per i due libri scritti a quattro mani con l’amico Luigi. Il prof. Falco come lui risiede a Foiano della Chiana, anche se arriva dall’Irpinia, ma da vent’anni ha messo radici in provincia di Arezzo.

Insegnante di sostegno, nonostante la dimestichezza con chi vive un handicap era rimasto non poco perplesso quando il ragazzo in carrozzina, che vedeva da anni in parrocchia, gli aveva chiesto di potersi aprire, di confidargli quello che non andava in quel particolare periodo. Dalla voglia di comunicare di Gianni Baini e dall’imbarazzo, presto superato, di Luigi Falco è nata una solida e franca amicizia.

È venuta poi la voglia di raccontare una vita vissuta in poltrona, su due ruote e con tanta buona volontà, coraggio e umiltà. Si è sviluppato un percorso, raccontato in due libri, “L’elefante in carrozzina. Oltre i limiti della diversità” (2010), “Il volo dell’elefante” (2012) ed ora in “Al di là del cielo. Una storia straordinaria di amicizia”, Paoline Edizioni 102 pagine 10,50 euro.

“Elefantone” è il nomignolo del ragazzo di Foiano, non per l’aspetto fisico, dice Luigi, ma per la presenza “elefantesca” che la sua esuberanza umana e affettiva riesce a imporre nel cuore di chi gli vuole bene. E sono in tanti.

È il disabile più avventuroso che si conosca. Ama superarsi. Sfida continuamente qualsiasi limite, non soltanto i suoi. Affronta con entusiasmo le prove più difficili, ha praticato più sport estremi, maneggia hardware e software come un nativo informatico (in un sito, www.elefantsoftware.weebly.com, mette a disposizione programmi completamente free, utili ai diversamente abili ma non solo).

LEGGI ANCHE:  Piccole cose meravigliose: Cheryl Strayed

Un danno cerebrale alla nascita (1972) gli ha provocato una tetraparesi spastica soprattutto agli arti inferiori, ma non gli ha impedito di crescere come una persona solare, orgogliosa delle sue sfide. Gianni vola, e non con la fantasia, salta oltre gli ostacoli, quelli di tutti: si è lanciato in coppia col paracadute da 4200 metri di altezza, è a suo agio nel nuoto, gli piace correre nei rally e in pista, ha la passione della Formula Uno e della Rossa, è stato anche stuntman in uno degli spettacoli-attrazione a Mirabilandia, il parco divertimenti in provincia di Ravenna. Da ragazzo ha fatto perfino il portiere di calcio, in ginocchio, in una porta a misura. E parava, mica per scherzo.

La consapevolezza della famiglia delle sue difficoltà motorie è subentrata nei primi mesi di vita. Era nato prematuro, sottopeso, cresceva gracile. Non afferrava il biberon, non gattonava. Sulle prime la diagnosi è stata una sentenza, poi è maturata la determinazione di migliorare in ogni modo la vita e la condizione fisica del bambino. Cure fisioterapiche, a Roma. Massima attenzione. Da parte sua Gianni si sentiva un alieno, osservato con imbarazzo dagli altri, perfino dei parenti, mentre in lui cresceva la volontà di fare il possibile e l’impossibile per valorizzare tutte le risorse a sua disposizione. Non si poteva arrendere e non si è arreso.

“Sono cresciuto tra infinite difficoltà e innumerevoli insidie,
consapevole dei miei limiti,
ma pronto a vivere fino in fondo le avventure che la vita mi riserva
.”

Il miracolo lo ha compiuto la sua vitalità emotiva, la capacità di stringere amicizie, lo spirito burlone, irresistibile.

LEGGI ANCHE:  INVERNO. Il lamento di una creatura estiva in un rigido sabato di fine novembre

Gianni e Luigi accendono una luce diversa sulla diversità. Sono perfettamente consapevoli della difficoltà di questa condizione, nonostante i buoni propositi di tutti. Non c’è pietismo o compassione che possa ripagare chi soffre. Quello che conta è accettarli per quello che sono, persone, individui, caratteri, esattamente come ciascuno degli altri. Aiutarli a superare i loro e i nostri limiti. Una mano e un sorriso sincero possono fare miracoli. Nessuno è diverso. Siamo tutti diversi, siamo tutti gli altri. Facciamo che “gli altri” non resti una parola ostile per qualcuno.

Al di là del cielo. Una storia straordinaria di amicizia è in vendita su Ibs a 9,03 euro.

Autore: Krauss

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest