Inesplorato lago

Foto736

Il mio pensiero sull’elegante libro di Maria Rosa Cugudda “Inesplorato lago” è di esprimere il sincero compiacimento. Dalla lettura dei suoi versi adagiati con semplicità sul foglio bianco, emergono immagini di una sofferenza tenuta in equilibrio dell’alternarsi a sprazzi di speranza.

Non è facile, per quanto sia chiaro, il linguaggio della poetessa; bisogna leggere e rileggere per entrare nel suo mondo: un luogo sacro di profondi valori. Mi ha colpita, piacevolmente, “Solitudine” poesia che non ha bisogno di commenti per l’universalità del tema, ma l’autrice incide con raggi di laser un diamante grezzo per illuminare con la luce delle sfaccettature chi sprofonda nell’apatia e nello scoraggiamento.

Maria Rosa Cugudda è una donna stupenda, con un’anima di alba e meriggio: alba del giorno che nasce e canta con i suoi versi la gioia; meriggio, porta alla quiete dopo la fatica, è la mano materna sulle schiene ricurve di chi cerca riposo. E canta l’amore con profonda semplicità  dolce e tenero tempo del passato, le pareti della silenziosa stanza si stringono sempre di più, ma in profondità c’è molto spazio – “Vecchiaia”.

Mi piacerebbe commentarle tutte: “Astratto”, “In giro per il mondo”, “Nel sorriso dei bambini”, “Uomini soli”, ecc. perché tutte sono ricche di messaggi profondi di rinnovata condivisione che ad occhi chiusi lancia pennellate di colori, dipingendo arcobaleni di speranza, rendendo inquieta la coscienza di chi tace.

Questo libro,”INESPLORATO LAGO” è impreziosito da alcuni dipinti “ANIMA VAGANTE”, “PUREZZA D’AMORE” e “POESIA”, dell’artista GIUSEPPE IOPPOLO, ma quello della copertina colpisce con una immediatezza trasognante e nella morbidezza soffusa si sente il respiro della nebbia e l’evanescente profumo dei colori.

Guardarlo è come sognare, avvolto di mistero, nei giochi di luci, sembra voglia dirci che, per quanto ci si affanni a scandagliare i fondali, non si riuscirà mai a conoscere i segreti del cuore umano. Inesplorato lago: un connubio di alta creatività artistica tra poesia e pittura, ed è un mio invito a leggere i versi della poetessa Maria Rosa Cugudda e ammirare i dipinti del pittore Giuseppe Ioppolo.

LEGGI ANCHE:  Contatto Empatico di Edoardo Piazza

Rosalia Sanfilippo

Autore: Maria Rosa Cugudda

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.