Bianca come il latte, rossa come il sangue | Libro di Alessandro D’Avenia

libro

Bianca come il latte rossa come il sangue, Alessandro D’Avenia

Leo, un ragazzo di 16 anni che gioca a calcio, guida un motorino e ama chiacchierare con i suoi amici. Ha paura del bianco ed ama il rosso. Il bianco è tutto ciò che indica una perdita; il rosso è l’amore, la passione, il sangue e il colore dei capelli di Beatrice.

Beatrice, una ragazza malata, di cui lui è perdutamente innamorato.

“Tu fai la stessa vita tutti i giorni, con le stesse cose e la stessa noia. Poi ti innamori e quella stessa vita diventa grande e diversa.”

A Leo non piace la scuola. Quando arriva il nuovo supplente è pronto a sparargli palline di saliva, ma questo insegnante è diverso. Un docente di filosofia a cui viene dato il soprannome di “sognatore”, perché lui spiega e sprona i ragazzi a cercare un sogno, il loro sogno della vita.

Leo grazie a lui inizierà a cercare il suo sogno, e scoprirà che…

“Mi piace avere dei desideri grandi. Un grande sogno non sò ancora qual è, ma mi piace sognare di avere un sogno. Starmene lì a letto in silenzio e sognare il mio sogno. Senza fare altro. Passare in rassegna i sogni e vedere quali mi piacciono. Chissà se lascerò il segno? Solo i sogni lasciano il segno.”

Farà il possibile per raggiungere Beatrice, perchè…

“Senza il riflesso rosso dei suoi capelli le giornate mi sembrano vuote. Diventano bianche come i giorni senza sole.”

E si troverà a combattere, come ogni adolescente, contro gli adulti che non capiscono il suo modo di agire.

“Quando fai una cosa buona la paghi sempre a questo mondo… La gente non sa un cazzo dell’amore. “

Al suo fianco c’è Silvia, un’amica molto speciale; così vicina a lui che è l’unica a cui confido tutto.

LEGGI ANCHE:  Il profumo delle foglie di limone di Clara Sánchez

“Questa è un’altra cosa su cui devo riflettere. I sogni sono come le stelle: le vedi brillare tutte quando le luci artificiali si spengono, eppure stavano li anche prima. Eri tu a non vederle, per il troppo chiasso delle luci. Silvia mi costringe a riflettere. Lo fa apposta.”

Quando è uscito questo romanzo lavoravo ancora in libreria. Mettevo i nuovi arrivi a posto e rimasi colpita dalla copertina. Lessi la trama, comprai il libro e lo consigliai a chiunque cercasse una bella novità. Tornavano tutti a ringraziarmi, ma non con un semplice “grazie”, con gli occhi brillanti di chi ama leggere e ha amato leggere questo libro.

Ora vi dico che Sì è bello, Sì è commovente e Sì è assolutamente da leggere.

La domanda che ora mi pongo è: il film che si ispira a Bianca come il latte, rossa come il sangue sarà bello quanto il libro?!

Vado a scoprirlo…

 

Daisy

Autore: daisy_

Sono studentessa c/o Scienze della comunicazione e grande appassionata di libri. Il mio sogno nel cassetto è diventare scrittrice ed aprire una bellissima libreria. Mmmmm...credo sia tutto!

Condividi Questo Post Su

2 Commenti

  1. Ciao 😀
    Io nella stessa giornata ho letto e guardato il film de “Bianca come il latte, rossa come il sangue” e come sempre il libro è più bello del film e ovviamente il film ha cambiato e tagliato alcune delle parti principali di questo fantastico libro! Veramente peccato..

    Bellissima recensione 😀
    HairStyleItaly

  2. Io non ho ancora visto il film, purtroppo…sono contenta che ti sia piaciuta! ciao 😀

Trackbacks/Pingbacks

  1. Colpa delle stelle di John Green - […] Il più famoso tra questo genere di romanzi è I passi dell’amore di Nicholas Sparks, ma anche Bianca come…

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.

Pin It on Pinterest