I custodi della biblioteca, Glenn Cooper e l’epilogo dell’umanità

I custodi della bibliotecaIl settimo figlio di un settimo figlio: tutto nasce da lì, da un’epoca remota e da quel neonato con i capelli rossi che sarà il capostipite di una stirpe singolare, misteriosa, impegnata fino alla fine della propria esistenza nella scrittura di grossi volumi cifrati da soli nomi e date, che celano un terribile segreto. Glenn Cooper sarà in libreria il prossimo 15 novembre con il suo nuovo, atteso, romanzo I custodi della biblioteca, una nuova avventura che riparte dall’ormai nota Abbazia di Vectis.

Dopo il successo cominciato con la sua opera prima La biblioteca dei morti, Cooper ci conduce a quella che pare essere la svolta decisiva della storia, quando ne I custodi della biblioteca si verrà a capo del bandolo che, da secoli, mantiene in piedi un gioco arcano verso il destino dell’umanità.

La trama

Abbazia di Vectis, 1296. Tutti gli scrivani dai capelli rossi sono morti dopo aver completato la loro missione: annotare il giorno di nascita e di morte di ogni uomo vissuto dall’VIII secolo in poi. L’unica cosa che resta è una biblioteca colma di notizie criptate e una data: il 9 febbraio 2027. La giovane Clarissa, in preda al panico dopo il suicidio degli scrivani, fugge dall’abbazia per correre il più lontano possibile da quell’orrida visione, lei che porta in grembo l’ultimo discendente di quella dannata stirpe.

Intanto, ai giorni nostri, Will Piper ha trovato la sua dimensione, e la Biblioteca dei Morti è solo un ricordo. Accade però che le cartoline con bara e data impresse cominciano nuovamente ad essere recapitate, ma c’è una novità: questa volta le vittime del fato sono solo di nazionalità cinese. Per Piper sarà un rituffarsi in una vecchia storia, ingigantita dal fatto che suo figlio, partito per l’Inghilterra, è misteriosamente scomparso. Sarà solo l’inizio di una lunga marcia verso la verità finale.

LEGGI ANCHE:  Pénélope Bagieu: la mia vita è assolutamente affascinante

Note sull’autore

Glenn Cooper, americano, è uno scrittore decisamente eclettico. Dopo essersi laureato con il massimo dei voti in archeologia presso l’università di Harvard, ha scelto poi di conseguire un dottorato in medicina.

Attualmente è presidente e amministratore delegato della più importante industria di biotecnologie del Massachusetts, ma non trascura di operare anche in altro settori come quello cinematografico, all’interno del quale lavora sia come sceneggiatore che come produttore.

I custodi della biblioteca è edito dalla casa editrice Nord e sarà in tutte le librerie a partire dal prossimo 15 novembre 2012.

Autore: Laura Landi

Sono ­ per ammissione estrema ­ lettrice compulsiva, anche se molto molto esigente. Andare in libreria mi fa sentire come Alice nel paese delle meraviglie. Il mio amore letterario segreto? Gabriel García Márquez.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.

Pin It on Pinterest