Uccidimi! follia e fantasmi di una confessione omicida

uccidimi!Caso letterario dell’anno diffusosi a macchia d’olio in Romania, Uccidimi! è il romanzo che ha consacrato definitivamente la scrittrice romena Ana Maria Sandu a metà strada dei fasti nell’Olimpo letterario, ponendosi come uno degli autori di rilievo da tenere sott’occhio. Uccidimi!, infatti, è il suo primo libro pubblicato in Italia, presente anche al Salone del Libro 2012 di Torino dove è stata una delle protagoniste assolute con questo romanzo edito da Aìsara, che racconta con distacco e coinvolgimento al tempo stesso la storia visionariamente reale di un omicidio.

Uccidimi! si tramuta così in una sorta di confessione della protagonista, riflessioni, paure e sollievi di un omicidio compiuto quasi per legittima difesa dei propri intenti e della propria libertà.

Aleggiano passioni seviziate, arzigogolate considerazioni, allucinanti e allucinati racconti di una condizione di vita ai margini della realtà, che sfocerà, poi, nell’epilogo più straziante.

La trama

Io sottoscritta Ramona Petrescu, nata il 12 aprile 1981, dichiaro che la sera di giovedì 22 settembre ho perso la ragione e ho ucciso una donna di nome Veronica Manea, di anni settanta, residente a Bucarest, in Strada Domenii 76. Preciso inoltre che tra me e la signora Manea non c’era alcun grado di parentela.”

Comincia così Uccidimi!, con una confessione di Ramona, una studentessa che si trasferisce a Bucarest per motivi di studio e che vive a pensione da una gentile signora in città. Quella però che sembrava gentilezza ed affettazione d’interesse, diviene ben presto un legame singolare, decisamente strano, dove Ramona è presa in una tela di ragno sottile e raccapricciando che fa divenire la propria vita come un sussulto d’ali, sempre in bilico fra la la lucidità dell’odierno ed i fantasmi che aleggiano nella pensione della signora Veronica.

LEGGI ANCHE:  Jo Nesbø: Il pipistrello, primo episodio inedito della saga con Harry Hole

Sebbene il romanzo inizi il suo evolversi con la confessione dell’omicidio di Veronica da parte di Ramona, qui siamo solo all’inizio di Uccidimi!, mentre trame sottili si fanno strada lentamente fra le pagine.

Note sull’autrice

Ana Maria Sandu nasce a Târgu Jiu, in Romania, nel 1974. Dopo la laurea in lettere comincia a scrivere per diverse riviste culturali romene. Scrittrice, poetessa e giornalista, nel 2003 debutta nel mondo dell’editoria con il suo primo libro, ancora inedito in Italia, ma che è stato pubblicato in Francia con il titolo L’écorchure (Chemin de Fer, 2010) e che le è valsa una doppia nomina sia al premio “România Literara” come miglior esordio, sia al “Premio aspro” come miglior esperimento letterario dell’anno.

Uccidimi! è il suo primo romanzo pubblicato in Italia edito da Aìsara.

Autore: Laura Landi

Sono ­ per ammissione estrema ­ lettrice compulsiva, anche se molto molto esigente. Andare in libreria mi fa sentire come Alice nel paese delle meraviglie. Il mio amore letterario segreto? Gabriel García Márquez.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.

Pin It on Pinterest