Lettere di Corsa: fogli sparsi di un sogno rampante. Enrico Solmi racconta suo padre, Bruno Solmi, meccanico Ferrari

copertina Lettere di corsa Bruno SolmiLettere di corsa (in vendita da BOL) è il racconto, dal 1953 al 1971,  dell’ascesa e della fortuna del marchio italiano, famoso in tutto il  mondo, attraverso gli occhi di uno dei primi meccanici della prestigiosa scuderia. Bruno entra a far parte della Ferrari giovanissimo, all’età di 16 anni. Viene assunto come cambista e dopo aver frequentato la scuola professionale, si specializza e diventa meccanico. Il motore è la sua passione, il cavallino rampante il suo sogno, Enzo Ferrari il suo idolo.  Siamo nel 1953 e le gare tengono spesso Bruno lontano da casa, da sua moglie e dai sui figli, che egli ama quanto la Ferrari. La nostalgia di casa è straziante. I suoi figli crescono e Bruno non può assistere al loro primo giorno di scuola, non può stare vicino alla moglie, né alla madre Evarista, alla quale è particolarmente legato. Le distanze sembrano incolmabili, non ci sono i cellulari né internet a ridurle. L’unico modo per rimanere in contatto con la propria famiglia sono le lettere. Bruno scrive, a sua moglie, ai suoi figli, a sua sorella, ai suoi genitori. E attende, anche giorni, affinché arrivino le risposte, affinché le pagine riportino lui la voce dei suoi cari, i loro odori, le loro gioie e le loro fatiche. Racconta loro le gare, i viaggi, i paesi esotici nei quali approda con la scuderia. Racconta loro la storia di Enzo Ferrari, un uomo che conosce i suoi dipendenti per nome uno per uno. L’orgoglio di far parte di un marchio che rende grande l’Italia in tutto il mondo è immenso ma ogni sogno richiede dei sacrifici. Quello che spetta a Bruno è non poter condividere la gioia quotidiana con i propri familiari, non poterli vedere, non poterli sentire per lunghi periodi.

LEGGI ANCHE:  Percezione visiva e modelli

A sessant’anni di distanza Enrico, suo figlio, raccoglie le lettere del padre, un uomo che non ha fatto in tempo a conoscere e le pubblica in questo libro. Fra le righe il tempo rallenta e gli spazi si dilatano, mentre Enrico ci restituisce l’immagine di Bruno, “un eroe comune scomparso troppo presto”, attraverso le missive e le foto dell’epoca.

Enrico Solmi, Lettere di Corsa – Bruno Solmi: una vita come meccanico Ferrari, una rispettosa e delicata raccolta delle lettere inviate alla propria famiglia dal padre Bruno durante i lunghi viaggi al seguito della Ferrari. Prefazione di Salvo Nugnes, postfazione di Luca Badoer

 «Nel motore, cuore pulsante di questa leggenda, Solmi ci mise le mani, unte d’olio e di grasso, consapevole che il segreto del dinamismo risiedeva nella scelta dei pistoni, dei cilindri e delle bielle. E, ancora, nella misura dell’alesaggio e nel dosaggio dei rapporti di compressione e di trasmissione si celava la promessa di un futuro dove le distanze si riducevano e ogni miraggio sembrava raggiungibile»

Salvo Nugnes 

«Io non giro il mondo per divertirmi ma bensì per assicurarvi il minimo indispensabile, perché possiate vivere liberi e tranquilli nella nostra casetta»

Bruno Solmi 

Autore: Enrico Solmi
Titolo: Lettere di Corsa. Bruno Solmi una vita come meccanico Ferrari
Editore: Girladi
Anno: 2010
Pagine: 152
Isbn: 9788861554313

Autore: Contrappunto

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Aspetta, non lasciare soli i nostri libri!

Non perdere l'occasione di leggere in anteprima le recensioni delle prossime novità editoriali, farti due risate con la nostra rubrica degli equilibri giocosi e interessarti a scoprire nuovi talenti emergenti.

Se questo non bastasse in regalo per te l'ebook: Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello.

Ti sei iscritto con successo.