Non prima di te – quando l’amore non è più verde

copertina - Non prima di teA giudicare dagli scaffali delle librerie, si ha la netta sensazione che le uniche età che contano siano sempre e solo quelle verdi, quando tutto è possibile e fattibile, e tutto appare definitivo, immanente, schiacciante, necessario. Si ha come la sensazione che ogni cosa intorno a noi miri a rianimare il tempo dell’innocenza e degli slanci, e soprattutto della libertà dell’essere, privo ancora delle sue strutture definitive. Come a vole dire, tra le righe, che l’età della ragione, con tutto quello che l’impatto con la concretezza della vita comporta, non è poi la stagione più bella da vivere…

Scriboni tuttavia, autore romano cinquantenne, che ha già all’attivo qualche brillante pubblicazione nel circuito della piccola editoria italiana, per una volta sceglie di gettare una luce, per quanto tenue, senza capziosità di alcun genere o facili tentativi di imitazione del vero, sull’età della maturità, senza tralasciare nulla, sentimenti, pensieri, rimpianti, analisi e racconto del passato, e soprattutto senza nasconderci l’imbarazzo e il limite del corpo, la perdita dell’autosufficienza, l’annullamento delle forze e di quelle libertà quotidiane che permettono ad ogni individuo di riconoscere e distinguere se stesso.

La descrizione di com’è la vita da recluso volontario in una casa di riposo, è molto essenziale e lucida. Il protagonista, Marcello, messo di fronte al passato, affronta quel che gli resta da vivere con la straordinaria dignità che solo pochi uomini posseggono vita natural durante, e ritrova, a pochi passi dalla morte, l’amore, quello autentico, quello in grado di rigenerare la fiammella della serenità smarrita tra le nebbie del tempo.

Isa, la sua nuova compagna, è protagonista assieme a lui di momenti di rara gioia, per quanto spesso sussista l’imbarazzo del dover ricominciare, del non sentirsi a proprio agio con un sentimento tipico dei giovani, o di chi ha ancora tutta la vita davanti.

LEGGI ANCHE:  Oscar e dintorni: dal romanzo al film

Molto intenso, se non addirittura cruciale, il suo scambio di parole col giovane Giovanni, il personal trainer della clinica; in un momento di rara intensità, Marcello – per così dire – gli fornisce la chiave di lettura e visione del mondo. Lo prega, per quel che può, di non aver mai paura di affrontare la vita, di non tralasciare nulla, per non avere rimpianti, e mantenere, laddove è possibile e anche dove più appare improbabile e difficile, la coerenza con se stessi, e la visione incorrotta dell’amore, degli affetti, della ‘lotta’ per la propria realizzazione e dignità.

Alessandra Di Gregorio

Titolo: Non prima di te
Autore: Scriboni Paolo
Editore: Rupe Mutevole
Collana: Trasfigurazioni
Data di Pubblicazione: Gennaio 2011
ISBN: 886591016X
ISBN-13: 9788865910160
Pagine: 60

Autore: adigregorio

Alessandra Di Gregorio (Cugnoli, 1983) è una giovane autrice che ha avuto a che fare con la scrittura precocemente. Ancora bambina compone le prime poesie, ma è con la prima età adulta che si approccia alla narrativa con convinzione, pubblicando racconti sul web e partecipando a concorsi letterari. Laureata con lode in Lettere Moderne presso l’Università D’Annunzio di Chieti, attualmente è collaboratrice freelance di diverse case editrici per cui svolge editing e consulenza editoriale. Cura inoltre uno spazio personale di divulgazione letteraria online recensendo testi della piccola e media editoria italiana, il cui nome è SCRITTURA INFORMA

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest