Un appassionato disincanto | Antonio Bonagura | RecensioniLibri.org Un appassionato disincanto | Antonio Bonagura - RecensioniLibri.org

Un appassionato disincanto | Antonio Bonagura

Osvaldo Bonetti è un ardimentoso agente segreto venuto dalla provincia del Mezzogiorno e che, come si suole dire, si è fatto da solo dopo essere rimasto presto orfano del padre, il suo punto di riferimento. È lui il protagonista di Un appassionato disincanto, il nuovo romanzo di Antonio Bonagura, pubblicato per i tipi di Graus Edizioni.

Un appassionato disincanto | Antonio BonaguraMuovendosi tra le vivaci e camaleontiche Napoli e Roma degli ultimi quarant’anni, lo 007 in salsa nostrana ripercorre la sua storia professionale e sentimentale, dal corso di addestramento in cui impara tutti i trucchi del mestiere ai primi compiti, che occupano la prima parte del volume, finendo ai numerosi incarichi, taluni prestigiosi quanto pericolosi, che ha ricoperto nel corso della sua carriera.

“Anche Osvaldo si rese conto fin da subito di cominciare ad affrontare le più semplici azioni quotidiane non più in modo automatico, meccanico: alcune delle azioni più frequenti nella giornata adesso andavano pensate e organizzate e questo, secondo quello che veniva predicato ogni giorno durante il corso, per evitare di muoversi e comportarsi in modo abitudinario e scontato diventando così un bersaglio facilmente riconoscibile e attaccabile.”

Un uomo onesto, integerrimo in un mondo tutt’altro che pulito e dai percorsi lineari, nel quale la corruzione è sempre dietro l’angolo, tanto che ci si chiede nel corso della lettura cosa ci faccia Osvaldo Bonetti in un siffatto ambiente. Folle intenzione di diventare un eroe? No, perché l’agente Bonetti non è mai sfiorato da tali ragionamenti, tanto appassionato al suo complicato mestiere qual è: il suo compito è solo quello di ripulire una professione la cui integrità è stata negli anni largamente compromessa da interessi di varia e poco cognita natura. Ed è su questo aspetto che si concentra la storia narrata nel volume, oltre alla descrizione del crescente disincanto del protagonista che dà il titolo all’opera. Protagonista che comunque non è solo in questo crescendo di consapevolezze; nello scorrere dei capitoletti di Un appassionato disincanto, infatti, si incontreranno altri personaggi, compagni, colleghi e non soltanto, tutti con un percorso particolare e avvincente.

LEGGI ANCHE:  Valeria allo specchio | Elisabet Benavent

In quello che è il suo romanzo d’esordio, Antonio Bonagura mostra un linguaggio scorrevole, odierno e aderente ai diversi decenni che la narrazione percorre. L’autore descrive con dovizia di particolari, riferimenti storici e competenza il mondo dello spionaggio e le dinamiche, a noi sconosciute, che lo caratterizzano. Il romanzo non risente però di queste scelte, risultando comunque leggero, alla portata dei non addetti ai lavori e sempre fluido con, come afferma Carlo Mosca nella prefazione all’opera, una “dolce venatura poetica” dal contenuto che si rivela addirittura pedagogico.

Autore: Antonio Pagliuso

Vive a Lamezia Terme, città al centro della Calabria con vista sulle isole Eolie. Ama leggere, scrivere e viaggiare e reputa la lettura dei grandi classici della letteratura un traguardo cui ognuno di noi dovrebbe puntare. Oltre che su "Leggere libri" scrive anche su "Glicine rivista" "Vanilla magazine", è ideatore della rassegna culturale "Suicidi letterari" e autore del giallo "Gli occhi neri che non guardo più".

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *