Intervista a Federico Tartaglia, autore de "É ora di vedere Gesù (e ti spiego perché)" - RecensioniLibri.org Intervista a Federico Tartaglia, autore de "É ora di vedere Gesù (e ti spiego perché)" - RecensioniLibri.org

Intervista a Federico Tartaglia, autore de “É ora di vedere Gesù (e ti spiego perché)”

Federico Tartaglia

Federico Tartaglia è nato nel 1968 a Roma, prete dal 1993. Anche missionario in Malawi per 9 anni, da sempre in giro nella periferia romana a convincere gli uomini che hanno un’anima e che c’è un Dio che è pure Padre.

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Sono un prete da 25 anni e mi sono reso conto che Gesù è scomparso! Si parla di Chiesa, di papi, di scandali, di Vaticano e di un sacco di altra roba, ma cominciando da noi preti e credenti abbiamo smesso di parlare di Gesù. Il testo vuole restituire quello che è il fondamento del cristianesimo: l’umanità di Gesù, partendo da una domanda inquietante: se davvero esista un’umanità del genere?

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Amo leggere, ma non per svago per sapere, per conoscere, per placare la curiosità e la meraviglia come il dubbio. Sono stato forgiato dalla fede ma anche dalla filosofia. Ho viaggiato e conosciuto, incontrato ed ascoltato, e la cosa migliore che riesce a placare la mente è lo scrivere.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Beh, scrivere un libro su Gesù significa per me raggiungere una specie di sintesi di questi anni. Il libro nasce in maniera remota in tutto ciò che faccio e che sono, nei libri che ho letto ma soprattutto nella Bibbia che scopro e nella difficoltà che hanno i credenti a vedere Gesù che è come sepolto tra riti e memorie ma che invece riesce a sorprendere ogni volta che uno prende in mano il Vangelo.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Vincenzo Di Michele, autore de "Animali in guerra vittime innocenti"

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Mi piacerebbe che il mio stile fosse da strada come Kerouac, fosse avvincente come certe pagine di Baricco, che possedesse la grazia di San Luca e la rabbia di San Marco.

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

L’ho messa nel libro che possiede anche dei codice QR con cui accedere direttamente alla playlist di Gesù con 10 brani sul Maestro che partendo da brani italiani come quelli di De Andrè e Nada arrivano ai classici come Jesus Christ SuperStar e le sorprese come Lou Reed, John Cash e Queen.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Gesù è l’unico giovane che ha cambiato il mondo! Da solo, senza violenza e in soli tre anni. Potenza del marketing o è davvero risorto?

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su