Intervista a Lidia Masci, autrice de "Le ali di Alì" Intervista a Lidia Masci, autrice de "Le ali di Alì"

Intervista a Lidia Masci, autrice de “Le ali di Alì”

le ali di alì

Nata a Brescia, ha insegnato amando profondamente il suo lavoro. Instancabile viaggiatrice, ha esplorato il mondo alla ricerca dell’essenza delle cose e della loro magica diversità. In questa intervista Lidia Masci ci parla del suo Le ali di Alì

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Alì vola verso un mondo nuovo per riprendersi i sogni. Il viaggio è lungo, pieno di insidie, di dolore e di fughe che lo porteranno a vivere come un animale braccato in una terra ostile che lo rende schiavo fino a fargli perdere il senso della propria umanità. Letteratura contemporanea.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Mi manca un pezzo di oceano pacifico e poi ho fatto il giro del mondo. Nei momenti di pausa, quando il lavoro me lo permetteva, ho iniziato a scrivere così, per caso. Scrivere è stato come viaggiare attraverso la vita dei personaggi che il mio cuore d’inchiostro ha creato. Le ali di Alì è il mio terzo romanzo!

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Tre mesi…Ho sempre scritto di sera quando la noia dei soliti talk show politici saliva come un’onda di piena e il silenzio si insediava fra le pareti della mia casa.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Non stupitevi: Alessandro Manzoni e Garcia Màrquez. Il primo per la descrizione dei personaggi, il secondo per la capacità di unire e creare mondi fantastici e reali.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Rossano Murgia, autore de "Il Generale"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Le vent, le cri di Ennio Morricone alternato con tamburi africani per malinconia e sentimenti violenti.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Se l’umanità fosse un albero, i piedi sarebbero radici comuni affossate nello stesso terreno e le mani, milioni di mani, aggrappate al cielo profondo, asseconderebbero la diversa armonia delle sfere celesti.Questa è la mia utopia. Leggete la storia di Alì.

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su