Intervista ad Arianna Raimondi, autrice de "Delitto di Capodanno" Intervista ad Arianna Raimondi, autrice de "Delitto di Capodanno"

Intervista ad Arianna Raimondi, autrice de “Delitto di Capodanno”

delitto di Capodanno

Arianna Raimondi nasce nel 1992 a Milano. Parallelamente a esperienze lavorative e universitarie intraprende la carriera da scrittrice cominciando a pubblicare il suo primo romanzo I passi della vita e l’antologia di racconti Una settimana in rosa nel 2015 con Youcanprint. Pubblicherà poi I poli opposti, Ti amo ancora, Il mio migliore amico, Routine di sangue e Delitto di Capodanno. In questa intervista ci parla proprio di quest’ultimo romanzo. 

Parliamo subito del tuo Delitto di Capodanno. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Si tratta di un Thriller. Aldo, il nostro protagonista, è un poliziotto che si ritroverà a dover risolvere il caso più complicato della sua vita. La mattina di Capodanno infatti avverrà un delitto i cui sospettati saranno una ristretta cerchia di parenti e conoscenti. Quando però entrano in gioco i sentimenti non è facile risolvere un mistero…

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Nacqua nel 2012 per caso. Avevo bisogno di raccontare una storia che da troppo tempo tenevo chiusa dentro di me. Incominciai a scrivere prima per hobby e poi diventò una vera e propria passione.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Sembra incredibile ma ho scritto questo libro in poco meno di un mese. Le parole scivolavano sullo schermo del computer proprio come un fiume. Quando sentivo che arrivava l’ispirazione, che quasi s’impossessava di me, prendevo il mio portatile e scrivevo, magari in una biblioteca comunale, oppure semplicemente nella mia stanza. Scrivevo persino al buio se era troppo tardi.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Malusa Kosgran, autrice de "In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo"

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Spero che il mio stile si avvicini a quello di Michael Connelly per quanto riguarda i thriller, e magari che la trama sia avvincente come il suo Debito di Sangue.

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Bella domanda. Probabilmente consiglierei Bring me to life degli Evanescence.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Ciao ragazzi! Se cercate un libro denso di mistero da leggere senza sosta dalla prima all’ultima pagina, Delitto di Capodanno fa per voi!

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su