Intervista a Mario Bocchetti, Silvio Crisari e Ciro Ruotolo, autori de "Il Rettangolo dei Sogni" Intervista a Mario Bocchetti, Silvio Crisari e Ciro Ruotolo, autori de "Il Rettangolo dei Sogni"

Intervista a Mario Bocchetti e Silvio Crisari , autori de “Il Rettangolo dei Sogni”

Il rettangolo dei sogni

Mario Bocchetti divide la sua vita tra la passione per lo sport, la scienza e soprattutto per la sua città (è lui a rispondere alle nostre domande). 

Silvio Crisari, nato a Roma nel 1972, è allenatore di calcio. Specializzato nel calcio a 5, coautore della metodologia Futsal Solution, attualmente collabora con la EuroJ sport Accademy.

Parliamo subito del vostro libro Il Rettangolo dei Sogni. Raccontateci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Il libro è una raccolta di racconti che narrano il rapporto che dovrebbero avere i bambini (e soprattutto i genitori) con il calcio e lo sport. Il libro offre uno spaccato della realtà, cerca di analizzare questo rapporto in una visione ottimistica ma ovviamente realistica. Non ci lasciamo trascinare dal sentimentalismo spicciolo ma ricerchiamo una riflessione vera nella testa del lettore.

Parlateci di voi e del vostro amore per la scrittura: come nasce?

Il libro è nato dalla sinergia di 3 persone tutte legate in qualche modo al calcio giocato. Abbiamo scritto questo libro perché avevamo voglia di raccontare un mondo che ci ha sempre appassionato e divertito. L’incontro tra noi autori è avvenuto per caso, ci siamo conosciuti grazie ad internet e la passione ci ha unito in questo progetto.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Scrivere il libro ci ha impegnato per circa un anno, ovviamente in questo periodo abbiamo fatto anche tanto altro. Durante questo periodo avevamo ben chiara la nostra idea e soprattutto quello che volevamo raccontare.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

Il libro ha uno stile leggero, che cerca di avere pochi costrutti stilistici, la voglia è quello di farlo leggere in maniera piacevole e scorrevole. Nelle nostre pagine sono la storia e i sentimenti che devono avere la meglio. Di tutti gli autori che ho letto, fatte le dovute proporzioni per temi e qualità, senza ombra di dubbio cerchiamo di avvicinarci ad Erri de Luca.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Emme X, autrice de "Non fidarti del buio"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

Sceglierei senza ombra di dubbio il capolavoro La Leva Calcistica del ’68. Una canzone che comunque racconta una storia meravigliosa.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Lo sport è l’ultima speranza che ha il genere umano di migliorare. E i nostri bambini sono la nostra unica possibilità. Abbracciamoli e portiamoli verso il futuro. #ilrettangolodeisogni

Autore: Redazione

Condividi Questo Post Su