Intervista a Francesco Celotto autore de "Symphonia" - RecensioniLibri.org Intervista a Francesco Celotto autore de "Symphonia" - RecensioniLibri.org

Intervista a Francesco Celotto autore de “Symphonia”

SymphoniaNato a Napoli dove vive e lavora, Francesco Celotto ha una Laurea in Sociologia presso la “Federico II” di Napoli.
Svolgo attività di diverso genere: da ricercatore a contratto a giardiniere, da ghost writer ad aiuto regista.
Nel tempo libero scrive romanzi e racconti che pubblica con il self-publishing.

Parliamo subito del tuo ultimo libro. Raccontaci brevemente la trama e in quale genere si colloca.

Alessandro Riversi è un pianista che vive e lavora a Milano, ma in un incidente stradale la sua mano sinistra rimane gravemente ferita. Si reca a Napoli per curarsi da un famoso chirurgo napoletano e visitando il Museo Nazionale della città s’imbatte in un’epigrafe di un famoso musicista dionisiaco del II secolo vissuto nell’antica Neapolis.

Parlaci di te e del tuo amore per la scrittura: come nasce?

Alcuni anni fa, spinto da quella intima delusione che prende il lettore accanito quando non trova ciò che avrebbe voluto leggere ho cominciato a inventare storie e racconti. Dopo vari tentativi ho lasciato l’affannosa ricerca di un editore e pubblico i miei romanzi e racconti soltanto in formato e-book che vendo nei maggiori distributori del mercato librario.

Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Descrivi un po’ l’atmosfera e l’ambiente, lascia che i lettori possano immaginarti mentre sei intento a scrivere.

Circa due anni. L’idea di scrivere un romanzo ricercando un continuum della musica e della composizione tra due musicisti così cronologicamente lontani implica necessariamente una ricostruzione degli ambienti, dei personaggi e dell’architettura di un tempo che ho ricavato anche dai reperti usciti dai recenti scavi della metropolitana. Ma è stato necessario visitare i siti archeologi di quel secolo.

Sappiamo che hai uno stile tuo, ma stando al gioco, a quale autore del presente o del passato ti senti (o aspiri) di somigliare e in quali aspetti? Fai un gioco analogo per il tuo libro.

In genere non mi piace la letteratura di genere e tanto meno mi piacciono gli epigoni, più che aspirare a somigliare a qualche autore cerco al massimo di tener presente, fin dal primo momento della stesura, quegli scrittori che hanno trattato il tema che mi accingo a sviluppare.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Maura Del Torrione, autrice de "Finché un giorno arrivò Nelson"

Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti?

L’Autunno di Vivaldi e Pino Daniele.

Un’ultima domanda per salutarci. Rivolgiti ai nostri 300.000 mila lettori, con un tweet in 140 caratteri.

Come lettore ancora oggi pretendo dalla narrativa originalità, ironia e meraviglia, come scrittore cerco lettori liberi dalla clausura dei generi letterari.

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su