Il tulipano rosso | Lisa Di Giovanni

La trama

Il tulipano rosso è un fiore intenso e complesso, ricco di storia e fonte di ispirazione.

Così l’ultimo lavoro della poetessa Lisa Di Giovanni si compone della sua stessa complessità; lasciando spazio a differenti linguaggi espressivi: poesie, racconti e riflessioni si alternano, lasciando spazio anche a opere figurative. In questo il Carlo Massi e l’artista Marco Sciame hanno contribuito ad arricchire il volume, che vanta l’introduzione della critica d’arte Annarita Melaragna.

La varietà dei linguaggi risponde al proposito dell’autrice di raccontare l’unicità dell’umanità nella molteplicità e nella ricchezza delle proprie potenzialità. In questo senso il tulipano, un fiore molto amato da Lisa Di Giovanni, assume un profondo valore simbolico, quale incarnazione dell’irripetibile unicità dell’umanità.

Il tulipano rosso è strutturato in tre parti.

La prima parte del volume, Tullband, è una silloge poetica. I componimenti parlano della vita, dei sentimenti, dell’amore e di luoghi importanti visitati nel corso degli anni dall’autrice.

La seconda parte, Il Dragone rosso, contiene tre racconti inediti. Le storie narrate sono diverse tra loro, ambientate in epoche differenti, ma con un unico filo conduttore: l’amore.

La terza parte, Il giardino dei tulipani, prende spunto da riflessioni su argomenti di carattere universale relativi alla natura umana che la scrittrice ha affrontato in molte delle sue recensioni e introduzioni a libri e testi poetici.

Vuoi saperne di più? Collegati alla Pagina Facebook dell’autrice.

Elisabetta era una donna con un fascino particolare, non aveva bisogno di molto trucco. I suoi lineamenti ricordavano le donne nordiche e anche il colore dei suoi occhi azzurri e la sua carnagione facevano pensare che in un’altra vita fosse stata una vichinga.

Curioso di leggere qualcosa? Leggi un episodio tratto dal libro.

Clicca sul bottone qui sotto per scaricare il racconto e non far mancare la tua opinione all’autrice. Buona Lettura!!!

L’autrice

Teramana di nascita, Lisa Di Giovanni, dopo gli studi di Ragioneria e Psicologia, oggi lavora in una società di telecomunicazioni. I suoi molteplici interessi si concretizzano in attività diverse che hanno come comune denominatore la passione per la scrittura e per l’arte. Collabora come redattrice nella sezione culturale di diverse testate giornalistiche, ftNews , BlastingNews, WEBMagazine24 e PaeseRoma.

È direttrice editoriale della collana di poesie della casa editrice EVE. Ha pubblicato poesie in diverse antologie, quali Frammenti di un’esistenza, Sentire (Ed. Poeti e Poesia), La quinta parete (Aletti Editore).

Nel 2014, tramite la piattaforma Youcanprint ha pubblicato la sua opera omnia La Libellula, che comprende liriche composte nell’arco di vent’anni e che affrontano temi universali come l’amore, la sofferenza, la vita, la morte e la passione. La raccolta ha vinto il secondo premio nella sezione “Poesia concettuale” al PremioLeandro Polverini 2016 – Città di Anzio”.

Nel 2017 Lisa Di Giovanni ha ricevuto una Menzione di merito con l’opera inedita Cerco sempre il mare alla prima edizione del Concorso Nazionale Letterario “Artisti” per Peppino Impastato. Del 2017 è anche il fumetto Human’s end, che nasce dalla collaborazione con un altro artista abruzzese, Marco Sciame.

Al momento la scrittrice sta lavorando ad un fantasy di ambientazione storica.
Chi desiderasse maggiori informazioni, visiti la pagina dell’autrice. 

Lo stile

La cifra stilistica de Il tulipano rosso può essere riassunta nel termine “varietà”.

Si tratta, infatti, di un’opera che attraversa più generi, abbracciando prosa e versi. Non solo: ciascuna sezione dà la possibilità al lettore di sperimentare esperienze di lettura diverse.

Da un lato, infatti, le liriche di Tullband si caratterizzano per una forte varietà metrica: composte in versi liberi, alcune sono formate semplicemente da una sola strofa, altre, invece, si articolano in più stanze.

Il linguaggio fonde semplicità e ricercatezza, parlando a tutti e a ciascuno.

Dall’altro i racconti de Il Dragone rosso, in stile romance, sono molto diversi tra loro: un esperimento, in cui la scrittrice cerca nuove forme per la sua ispirazione.

Le riflessioni de Il giardino dei tulipani, infine, toccano una pluralità di temi universali, che sostanziano la vena creativa e creatrice dell’artista.

Filo conduttore ed elemento unificante è il tulipano, che, non a caso, compare anche nel titolo di ciascuna sezione. “Tullband”, che in turco significa “turbante” è il termine da cui deriva la parola “tulipano”, la cui forma ricorda appunto quella del copricapo turco; il dragone rosso è, invece, una varietà di questo fiore.

Proprio come i petali di un tulipano, i singoli componimenti della raccolta creano un tutt’uno: le diverse sezioni dialogano tra loro e con le opere degli artisti Massi e Sciame, schiudendo al lettore il profumo dell’amore e dell’arte.

Se desideri acquistare il volume, clicca qui.

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.