I segreti della pietra – Lapis Bononiae | Filippo Palmieri

1972, Gabriele, vent’anni e una grande passione per la storia della città in cui vive e studia, si imbatte una sera nel mistero della Lapide di Bologna, enigmatica iscrizione del XVI secolo legata all’Ordine dei Cavalieri di Maria Vergine Gloriosa.

Indagando, il giovane studioso scopre che sorprendenti eventi legano la lapide alla storica famiglia dei Volta e all’Ordine dei Cavalieri di Maria Vergine Gloriosa, in un alternarsi di eventi documentati e teorie fondate sul collegamento tra la pietra e il mondo alchemico. Ma non sempre i segreti sono fatti per essere svelati, e una potente società segreta è già sulle tracce di Gabriele, che dovrà rinunciare a molto, per ottenere la conoscenza.

2000, spalleggiato dall’Ordine dei Cavalieri di Maria Vergine Gloriosa, il sindaco di Bologna guida la città con la ferma convinzione di essere l’uomo giusto per cambiare non solo il suo comune, ma l’Italia intera. La fermezza del suo pensiero vacillerà, però, dopo un incidente mortale e il ritorno dei fantasmi del passato nella sua vita. Questi tentennamenti lo porteranno a lottare per la sua salvezza, braccato dai suoi vecchi alleati, aiutato da chi avrebbe dovuto arrestarlo, inseguito dagli errori commessi, all’inseguimento della cura di tutti i mali.

Solo quando tutte le tessere del mosaico saranno disposte, sarà visibile il disegno di una storia imponente, che si snoda tra i secoli per le vie di Bologna.

I Cavalieri si alzarono in piedi all’unisono, battendo ritmicamente le mani e intonando una litania in latino le cui parole Gabriele non riuscì a cogliere, benché per sentire meglio si fosse nel frattempo avvicinato al coro.
In quel momento, dalla porta laterale entrò il Maestro.
Indossava un abito rosso con mantello di colore grigio; al centro della tunica spiccava una croce bianca con due stelle a sei punte su campo rosso. Il sindaco notò che, a differenza degli altri Cavalieri, non era armato.
Senza degnare Gabriele di uno sguardo, il Maestro si avvicinò al trono e prese posto.
I Cavalieri smisero immediatamente di battere le mani, ammutolendosi. Nessuno si sedette.

L’autore

Filippo Palmieri vive a Bologna, dove è nato nel 1975.
Sposato, ha due figli e svolge la sua attività di avvocato d’affari. Grazie alla sua professione, ma anche per passione, Filippo ha sempre viaggiato molto, espandendo i suoi orizzonti e facendo nascere in lui un forte amore per la Spagna e la lingua spagnola.

La sua carriera di lettore è iniziata a otto anni grazie al fortuito incontro con David Copperfield di Charles Dickens, ma la sua grande immaginazione lo hanno spinto sempre più all’elaborazione di storie, fino ad approdare al primo romanzo, I segreti della pietra, che nasce da un’altra grande passione dell’autore: la storia della sua città e gli enigmi che vi si nascondono.

Proprio rielaborando e romanzando gli aneddoti sulla Lapide, Filippo ha raccontato la sua città e l’immenso patrimonio artistico e culturale che custodisce.

Al momento l’autore è immerso nelle attività di ricerca per la stesura del suo secondo romanzo, ancora in fase embrionale, in attesa di un contesto storico accattivante in cui ambientarlo.

Per maggiori informazioni, visitate il sito web dell’autore.

Lo stile

I Segreti della Pietra è un thriller storico in cui epoche e personaggi si intersecano, dando vita a un vortice di eventi destinati a cambiare la vita del protagonista e il mondo intero. Grazie alla scrittura fresca e sincopata, formata da capitoli brevi e frequenti cambi di setting, il lettore di sentirà immediatamente trascinato nell’immaginazione dell’autore, che si è fortemente documentato, prima della stesura di questo suo primo romanzo.

Anche il richiamo costante a figure storiche realmente esistite, che fa parte del narrato, rende il testo coerente e coeso, perfetto per quel lettore attento ai particolari, appassionato di contesti storici, ma che non rinuncia all’incalzante divenire dei fatti narrati.

Come in un romanzo di Marco Buticchi, le linee parallele di narrazione imbastite dall’autore si ricompongono alla fine di un percorso ricco di suspense, in cui passato e presente si uniscono e si fondono.

I Segreti della Pietra, forte della sua credibilità storica a cui si unisce la sconfinata fantasia dell’autore, è un romanzo ritmato, da leggere tutto d’un fiato, ma che offre interessanti spunti per chi si trova a passare da Bologna, suggerendo al lettore luoghi insoliti della città e percorsi curiosi e inimmaginabili. Con questa sua opera prima, Filippo Palmieri ci rivela il suo amore per la città che lo ha cresciuto e nutrito, permettendoci di intravedere scorci di una città al contempo antica e nuova.

Se volete acquistare il romanzo di Filippo Palmieri, cliccate qui.

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest