L’hotel dell’inconscio | Stefano Falifigli

Un mistero circonda l’Ispettore Monti

Hotel inconscio FalifigliGabriele Monti è un Ispettore di Polizia dal profondo senso di giustizia. Quando viene incaricato di recuperare i cadaveri di due turisti deceduti all’estero, è convinto di trovarsi di fronte a una semplice formalità, per rendersi conto, ben presto, che non tutto è come sembra.
Una delle due vittime è il figlio di una giudice coinvolta, nel recente passato, in uno scaldalo giudiziario, tenuto nascosto all’opinione pubblica. L’Ispettore si ritrova, suo malgrado, costretto a dipanare i fili della vicenda, scoprendo che, oltre al giudice, nel corso degli anni, anche altri protagonisti di quello scandalo, hanno subito gravi e inspiegabili lutti, in circostanze poco chiare.

A complicare l’indagine, e la vita dell’ispettore, contribuiscono gli uomini di un’Organizzazione segreta, incaricati di impedire a Monti di riportare alla luce fatti e prove riguardanti il vecchio caso. Ogni pezzo di questo mosaico di sangue sembra prendere il proprio posto, ma purtroppo l’Ispettore Monti si lascia coinvolgere troppo dalla vicenda: l’intricato caso è diventato ormai una vera e propria ossessione.

Quando scopre chi si cela dietro l’orrore, ogni sua certezza comincia a scricchiolare, e presto si trova di fronte a verità che non avrebbe mai voluto conoscere, capaci di cambiare, per sempre, il corso della sua vita.


“Si avvicinò alla chiesa quel tanto da poter distinguere le espressioni di dolore sui volti dei familiari della ragazza. Il padre era un ometto d’altri tempi. Accarezzava dolcemente la testa di quella che doveva essere la moglie. Un gesto tanto semplice, quanto significativo. Gabriele si asciugò la lacrima che stava scendendo sulla guancia. Il giorno dei funerali della madre, nessuno lo aveva accarezzato in quel modo”


Chi è Stefano Falifigli

L’autore è nato a Roma nel 1975 e vive da sempre a Vitinia.

Stefano Falifilgli

Stefano Falifigli

Dopo il diploma all’Istituto Tecnico Industriale Galileo Galilei di Roma e un lungo passato come Agente Immobiliare, nel 2006 ha cambiato completamente professione, rispondendo a una vecchia passione e cimentandosi come falegname. Attualmente collabora con un esercizio commerciale del settore, a contatto col pubblico.

L’hotel dell’inconscio”, edito da Albatros, è il suo primo thriller, ma non sarà l’ultimo. Sta lavorando alla pubblicazione di un nuovo romanzo ed alla stesura del terzo.
I suoi autori preferiti, ai quali si ispira in qualità di scrittore emergente, sono Stephen King, il Maestro del brivido, Thomas Harris, il creatore del mitico personaggio di Hannibal Lecter, e Ernest Hemingway, uno dei più grandi scrittori del Novecento per grinta e stile. Oltre alla scrittura e alla lettura, Stefano è appassionato di pesca sportiva, fotografia e disegno ed è un grande tifoso di calcio. Per maggiori informazioni, visitate la pagina facebook dell’autore.

LEGGI ANCHE:  Un pericoloso segreto minaccia l'Occidente e Gerusalemme 

L’hotel dell’inconscio…a proposito di stile

Dopo averlo lasciato nel cassetto per molti anni, Stefano Falifigli ha deciso di dare alle stampe questo thriller metropolitano, compiendo il grande passo di pubblicare, a beneficio del pubblico di lettori, la sua prima opera.

Pur non trattandosi di un romanzo autobiografico, lo stesso autore ha confessato che c’è molto della sua personalità nell’indole del protagonista, l’Ispettore Gabriele Monti, un uomo coraggioso e determinato, ma allo stesso tempo fragile ed emotivo, caratteristiche che lo portano a primeggiare nel suo mestiere, almeno finché il caso che gli si presenta non lo coinvolge a tal punto, da mettere in discussione tutta la sua vita.

Anche i vari personaggi secondari, più o meno misteriosi, che, a fasi alterne, affiancano il protagonista, hanno un ruolo importante, poiché fanno emergere tutte le debolezze dell’Ispettore e la sua incapacità di prendere decisioni nei momenti critici, nonostante la sua preparazione e il suo talento.

Dal punto di vista stilistico sono evidenti l’ispirazione e l’omaggio fatto ai grandi autori che hanno accompagnato la formazione di Stefano Falifigli: da John Grisham e Ken Follet, passando per l’irraggiungibile Stephen King.

Per l’acquisto, clicca qui.

Autore: redazione

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.

Pin It on Pinterest