L’invenzione delle ali di Sue Monk Kidd

L'invenzione delle ali di Sue Monk KiddL’invenzione delle ali di Sue Monk Kidd, edito da Mondadori, è un racconto che ci porta direttamente indietro nel tempo e precisamente in America agli inizi del Novecento. Fin dalle prime righe del testo veniamo catapultati nelle atmosfere di quel periodo, tra carrozze, case signorili e convenzioni di un paese che a volte, oggi, facciamo fatica ad immaginare. Una storia vera che arriva a coinvolgere quasi timidamente, ma che riesce a tenerti stretta a sé finché tutto non è stato detto.

La Trama

Charleston, South Carolina, 1903. Sarah per il suo undicesimo compleanno riceve in dono Hetty, sua coetanea, destinata a diventare la sua cameriera personale. Sarah però non è una bambina come tutte le altre della sua età; è sveglia e intelligente, ma soprattutto è avida di libri, dai quali apprende le riflessioni dei grandi pensatori che, tutte insieme, sono raccolte nella grande libreria del padre e che, per lei, rappresentano il tesoro più grande, nonché rifugio e conforto. Sarah ha anche un sogno: vuole diventare un giurista. Proprio in nome della sua formazione e delle sue aspirazioni, si opporrà fin da subito al dono ricevuto battendosi per la libertà di Hetty. Un’impresa molto difficile che la vede costretta a combattere contro un potere molto più forte di lei che, in fondo, è ancora una bambina. Nonostante questo, però, non si arrende, decisa com’è a rendere libera la sua piccola schiava, insegnandole così a leggere e a scrivere. Quest’ultima azione provocherà l’ira della famiglia che segnerà un po’ la fine dei suoi desideri. Sarah si rende conto che la vita di una donna della sua epoca corre su una strada già segnata in precedenza, ma tutto prende un’altra forma con l’arrivo di Nina, sua sorella, di cui lei sarà la madre tutelare. È insieme a lei che inizia un percorso che le condurrà sempre più lontano dal credo al quale sembravano essere destinate, riuscendo così a portare avanti la loro campagna anti schiavista, a favore dei diritti civili delle donne e degli emarginati.   

L’altra parte c’è Hetty che incarna in sé tutta la storia delle tradizioni di un popolo, quello africano, che si trova a vivere in una condizione di schiavitù, ma che conduce un’incessante lotta per affermare i propri diritti e per non vedere scalfire la propria dignità. Tradizioni che si tramandano di generazione in generazione e che vengono legate insieme da un filo sottilissimo destinato a durare in eterno.

La storia di una bambina bianca e di una bambina nera che sembrava non riuscisse ad incontrasi mai, ma che invece scorre su due binari paralleli e che ci fa vivere un rapporto speciale durato tutta una vita.

LEGGI ANCHE:  Annus mirabilis di Geraldine Brooks

La Critica

Sue Monk Kid ne L’invenzione delle ali, riprende le vicende vere di due sorelle, Sarah e Angelina Grimké, che si contraddistinsero per il loro impegno nella lotta contro la schiavitù in nome di un pensiero liberale del quale si fecero le portavoci.

Una storia che ci fa vedere le due facce della stessa medaglia nel grande gioco della vita umana e che viene portato avanti grazie all’alternanza delle due voci narranti, quella di Sarah e quella di Hetty, che, incessantemente, si combinano e si intersecano.

Un testo in cui si respira un’incessante voglia di libertà e di emancipazione, principi che vengono ripresi in una chiave storica interessante e che fanno di questo libro un piccolo manuale di insegnamento.

 

Autore: Elena Coppi

Vengo da un piccolo, ma non sconosciuto, paese della Toscana che si chiama Santa Fiora. Per me, un libro è una piccola Creazione capace di cambiarci, di emozionarci e nel quale immergersi per poi lasciarsi andare: la più dolce delle follie.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.