Calathamet. Archéologie et histoire d’un château normand en Sicile

calathamet

La cover dell’opera edita da OSM

Calathamet. Archéologie et histoire d’un château normand en Sicile è un testo in lingua francese, ponderoso e assai documentato volume intorno all’archeologia e alla storia di un castello normanno in Sicilia. Si avvale dei contributi di illustri studiosi italiani e francesi, ed è curato da Elisabeth Lesner e Jean Michel Poisson.

Lo studio del popolamento, dell’habitat e della cultura materiale della Sicilia medioevale si fonda su ricerche storiche e archeologiche iniziate da ricercatori italiani e francesi dopo numerosi anni. In tale contesto, si collocano gli studi intrapresi su Calathamet: essi hanno portato su di un castrum fondato nel decimo secolo, all’epoca della dominazione islamica de l’Ile; costituisce una delle eredità medioevali della città antica di Segesta.

Il contenuto dell’opera

Nel dodicesimo secolo vi si installa una famiglia di signori normanni, che trasformano il sito precedente in un potente castello. La fortezza, occupata per circa due secoli, è abbandonata alla fine del Medioevo. Il transito dalla civiltà islamica al feudalesimo occidentale si traduce qui non attraverso avvenimenti militari ma trasformazioni architettoniche e funzionali, oltre che tramite pratiche culturali e modi di vita differenti e ampiamente attestati.
Calathamet si situa a N/O della Sicilia, tra Palermo e Trapani. Il sito, che dipende dal comune di Calatafimi (Trapani), si trova in prossimità della tratta Calatafimi-Alcamo della SS 113, all’uscita per Castellammare del Golfo. Corrisponde a un piccolo plateau che si eleva nel luogo detto “Ponte Bagni”, vicino al Fiume Caldo, sì detto per la presenza di fonti termali.

Il Fiume Caldo separa il territorio di Castellammare del Golfo, a Nord, da quello di Calatafimi, a Sud, dove si trova il sito di Calathamet. Tale sito è sottoposto agli obblighi della legge 1089/1939 che protegge i siti archeologici, e si colloca sotto il regime di controllo della legge 431/1985 che concerne i siti naturali.

Calathamet si trova dunque nel cuore della Sicilia occidentale, povera di risorse prima del quindicesimo secolo: la guerra civile che ha opposto i Musulmani, i nobili, l’alto clero e le monarchie dal 1190 al 1230 ha lasciato il paese esangue. Benché i documenti siano rari, Calathamet è un’eccezione . Essa presenta una situazione molto originale nella valle, al centro di un passaggio che separa la Sicilia Occidentale dall’insieme delle terre di Alcamo, di Corleone, e dei monti di Palermo. Questo ruolo di contatto spiega il tentativo di impiantarvi una foire e la prosperità che implica la costruzione di un castello potente. L’abbondanza delle acque, a contatto con una Sicilia Occidentale particolarmente secca, in particolare di acque termali, offre moltissime potenzialità.
Il vasto volume edito da Officina di Studi Medievali (OSM) indaga in modo più che approfondito circa il sito di Calathamet, avvalendosi di una ricca bibliografia risalente anche a Diodoro Siculo, con riferimento al mito di Eracle che sarebbe di qui passato per riposarsi durante le sue fatiche. Il testo si rivolge agli appassionati della materia, ma è per tutti un utile documento storico-archeologico sulla Sicilia antica, con uno sguardo rivolto all’habitat, alle coltivazioni, al commercio, a quanto fece della regione di Calathamet un punto geografico strategico, tanto da costruirvi un potente castello.
Il tomo consta di 502 pgg con un sommario ad apertura del volume, dotato di un utilissima praefatio e di un altrettanto valido capitolo di conclusioni generali. Segue l’elencazione dei curriculum degli esimi esperti che hanno contribuito alla realizzazione di questo impegnativo studio.

LEGGI ANCHE:  Raffaello segreto di Costantino D'Orazio

Scheda tecnica

  • Curatore: Lesnes E.; Poisson J. M.
  • Edizioni: Officina di studi medievali
  • Anno di pubblicazione: 2013
  • Num. pagine: 502
  • Prezzo: 90,00 €

Calathamet. Archéologie et histoire d’un château normand en Sicile è disponibile per l’acquisto su Ibs, sia in versione cartacea che in ebook.

Autore: giovannaalbi

Giovanna Albi nasce a Teramo, dove si diploma al Liceo Classico con 60/60 e lode. Laureata in lettere classiche e in filosofia (due lauree) con 110 e lode ,insegna latino e greco dal 1987 e collabora con l’UNIPG. Ha seguito un tirocinio lacaniano di sette anni a Milano. Scrive dal 2010. Ha pubblicato 4 romanzi e ha vinto concorsi letterari. E’ recensionista e critico letterario

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.