Castelli di rabbia, omaggio a Quinnipak

A Quinnipak viveva la signora Rail. Ma più di qualsiasi altra cosa, ci viveva la sua bocca. Poi venivano i capelli, gli zigomi, la pelle bianchissima, la piega degli occhi. Ma prima di tutto, le labbra. Le labbra di Jun Rail.

A Quinnipak vive il signor Rail. Di tanto in tanto partiva. Non si sapeva di preciso dove andasse. Lui, semplicemente, partiva.

[…] lei lasciava scivolare qualche istante di nulla,

poi chiudeva gli occhi e invece di dire

– Buona notte

diceva

– Quando parti?

– Domani, Jun.

L’indomani partiva.  

E poteva stare fuori un giorno oppure mesi, il signor Rail. Ma poi, alla fine, tornava. Non si sa con quali storie da raccontare o dimenticare. Lui, semplicemente, tornava.

A Quinnipak vivevano Pekisch e Pehnt. Uno era un uomo, l’altro era un ragazzino. Ed erano sempre insieme quei due.

                         Pekisch ogni venerdì sera suonava l’umanofono. Era una specie di organo, ma al posto delle canne c’erano le persone; ed ognuno suonava la propria nota, quella personale e intima; la propria, insomma. Lo aveva inventato lui, questo strumento, insieme a tutta una serie di altre diavolerie che aspettavano solo di trovare una loro collocazione nel mondo. Ma intanto lui stava lì, ogni venerdì sera, a suonare l’umanofono.

                         Pehnt, che tutto quello che faceva, era aspettare. Aspettare di crescere per poter indossare una giacca…e se poi, alla fine, ci fosse riuscito… solo allora… avrebbe potuto lasciare la cittadina per cercare fortuna nella capitale. Nel frattempo, però, aveva un quaderno nel quale poter annotare tutto quello che c’è da sapere, perché a otto anni, Pehnt, aveva già capito che sono troppe le cose da ricordare nella vita.

LEGGI ANCHE:  "Dimmi che c'entra la felicità" | Margi De Filpo, Vincenzo Corraro

Poi c’erano molti altri a Quinnipak…

                         il vecchio Andersson, un genio del vetro, e da sempre lo era stato…

                         la vedova Abegg, una donna di notevole fantasia e solide certezze, sposata per tre anni con un libro

                         il dottor Hector Horeau, portatore di un incanto, la costruzione del Crystal Palace.

Frammenti di vita eccezionali, che si sviluppano e si intrecciano in un posto destinato a cambiare per sempre la vita delle persone…

                         …Quinnipak

baricco

@credits: itphot.shdongliang.net

un luogo nella testa piuttosto che sulla carta

un luogo in cui seguire il flusso dei propri desideri sembra essere l’unica cosa che vale, provando, in ogni modo, a realizzarli; non importa quanto strani o assurdi siano, è provare che conta

un luogo in cui, improvvisamente, tutto può cambiare…basta un tac… e non è più la stessa cosa. Ma intanto, pezzi di Quinnipak, sono stati vissuti e, arrivati a questo punto, l’unica cosa che resta da fare per salvarsi è la fuga… l’abbandono… la pazzia… o la morte. Perché non ti lascia un posto così, senza cambiarti qualcosa dentro.

È questo, tutto quello che cerca di realizzare questo romanzo… il piacere di restituire la priorità alle proprie fantasie, come unica via possibile. Provare a realizzarle, poi, un viaggio bellissimo.

Tutti hanno la propria Quinnipak da qualche parte, da trovare o conservare, e magari farci un salto ogni tanto.

LEGGI ANCHE:  L'arte di essere fragili | Alessandro D'Avenia

Acquista Castelli di rabbia su Ibs.

Leggi le recensioni degli altri libri di Alessandro Baricco:

 

Autore: Elena Coppi

Vengo da un piccolo, ma non sconosciuto, paese della Toscana che si chiama Santa Fiora. Per me, un libro è una piccola Creazione capace di cambiarci, di emozionarci e nel quale immergersi per poi lasciarsi andare: la più dolce delle follie.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest