Le avventure francesi di Lisa, “cervello in fuga” all’estero

copertinaJe m’appelle Lisa, je suis une italienne… Basta rispondere a un annuncio per ritrovarsi, fresca di studi universitari, critico d’arte in prova in una nota rivista francese? Strano ma vero, è stato sufficiente per fare un bel salto dai giornaletti di classe nel Salento a Le petit journal des Artes, Parigi. Perché proprio lei, però? E solo con una mail? Comunque, l’occasione è da prendere al volo, in “Parigi solo andata”, di Alice Guerrieri, Lupo editore (Copertino di Lecce, dicembre 2013, 238 pag. 15 euro).
Via dall’Italia, lontano dalle paturnie sentimentali dell’amica di sempre, alla larga dalla storia “stanca e annoiata” con Alberto. Destinazione la Ville Lumiere. Fantastico. Lo sarebbe di certo, se qualche luce riuscisse a illuminare il quartiere che ospita il suo monolocale. Non c’è traccia dei bagliori e lustrini di una capitale del mondo, invece, intorno alla “pseudotopaia” che accoglie la neo giornalista. Si ritrova in un minuscolo salotto o forse cucina, al secondo piano di una palazzina un po’ scalcagnata, caratteristica dello stile popolare francese. Unica consolazione, un piatto di pasta, improbabile ma generoso. Lo trova nel fornetto, sdraiato in una teglia, accompagnato da un biglietto: “Forse hai nostalgia dell’Italia”. La cottura è più che al dente, gli ingredienti sono decisamente troppi, senape compresa, ma ingerito a digiuno è più che apprezzabile l’omaggio di una nuova collega, Marion. E questo conduce all’universo del giornale, in Place de la Nation. Settimo piano, ascensore guasto, un microcosmo popolato da una fauna di tipi e soprattutto tipe speciali, una più dell’altra, a cominciare da Elle, la direttrice, intellettuale col piglio da sergente della Legione. I maschietti sono un capitolo a parte, anche nella vita privata di Lisa Baldini. Il caporedattore, Jacques, è robusto, logorroico, alterna fasi di depressione a momenti da gran viveur. Ma a lei va a genio. Come Philippe, direttore editoriale, alto, flemmatico, elegante, anche se un pizzico demodé col suo guardaroba da vecchio conte scozzese. Si lega anche a lui.
Bistrot, bois, brasserie, baguette. Tutto sommato procede l’integrazione all’estero dell’ennesimo cervello italiano in fuga. A guastare l’idillio tutto cuore e lavoro, pur condito di difficoltà contingenti, interviene però una statuetta, un ricordino artistico di Roma, comprato su una bancarella, ma usato in modo improprio, sul cranio di un amico. Diventa l’arma di un delitto ed è un regalo che la la ragazza ha fatto proprio alla vittima e partner …Infatti, vira sul giallo la scoppiettante commedia, opera prima di una brillante pugliese. Altrimenti come potrebbe materializzarsi la figura del commissario Liguori? Niente a che fare col mitico Maigret della Suretè, Giuseppe è italiano, napoletanissimo, bravo, intelligente, simpaticamente tricolore e pur mettendo nel mirino la bella Lisa, aiuta la divertente autrice ad aggiungere dinamiche movimentate a un romanzo che scivola con grazia verso il noir, restando comunque rosa, in modo mai banale, fatti i debiti conti.
Alice Guerrieri, laureata in storia dell’arte, vive tra Otranto e Varese. Lettrice appassionata fin da bambina e scrittrice creativa, si interessa di arte, musica, cinema e fotografia.

LEGGI ANCHE:  Intervista a Giuseppina Bertoli, autrice del romanzo La Punizione

Autore: Krauss

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest