Fino all’inizio: il romanzo di Franco Sangues

Fino all'inizio, il romanzo di Franco SanguesFino all’inizio è il romanzo di Franco Sangues, edito da Youcaprint su ibs.it a € 11,90.

FINO ALL’INIZIO: LA TRAMA

Fino all’inizio è una storia d’amore profonda e per nulla banale. Anteros De Rosa è giovane, bello e dinamico. Porta avanti con suo padre l’azienda di famiglia. Vive di passioni, di istinto, cerca di cogliere “a morsi” quanto la vita riesce a dargli, anche se è alla ricerca di qualche emozione per non sentirsi già arrivato. Intraprende una relazione che in apparenza gli sembra quella giusta con Cristiana. Ma la delusione giungerà amara e cocente durante un viaggio in Spagna, a Madrid.  Sarà quello stesso viaggio a cambiargli la vita, a fargli scoprire qualcosa in più, quel qualcosa che darà un nuovo senso alla sua strada. E sulla sua strada compaiono, con due ruoli differenti, Carolina e Anna. Carolina è una donna che ha una forte personalità, non è controcorrente, ma fuori dalla corrente, dai luoghi comuni. Ha spesso preferito una sana solitudine a una compagnia di plastica. Decide di accompagnare la sua amica Anna, alla ricerca del proprio passato e dell’identità della sua vera madre. È proprio a Madrid, sull’onda di queste ricerche, che le strade dei tre ragazzi si intrecceranno in modo sorprendente e inaspettato…

FINO ALL’INIZIO: ANTEROS E CAROLINA, AMORE E LIBERTÀ

Fino all’inizio attraverso le vicende che riguardano i protagonisti, Anteros “l’amore” e Carolina “la libertà” affronta la tematica dell’assenza. L’essenza di queste due anime è già scritta nei nomi: Anteros proviene dalla mitologia greca: è la personificazione dell’amore corrisposto. È figlio di Afrodite, dea della bellezza, e di Ares, dio della guerra. Carolina, invece è il diminutivo del nome Carola, a sua volta derivato da Carla, e significa “donna libera”. Lui è l’amore e lei la libertà: i cardini su cui Anteros avrebbe voluto imperniare la sua vita. Ci sono due passi nel romanzo che ben caratterizzano queste due figure: “C’era un sacco di gente che aveva fame di arrivare. Anteros, invece, aveva fame di tornare. Avrebbe soltanto desiderato provare i brividi dell’avventura, quelli che percorrono la schiena quando non si sa quasi nulla del proprio domani”. Carolina ritiene di essere per gli uomini uno di quei souvenir di vetro con la neve finta dentro: “Non riescono a entrare; mi agitano, giocano un po’ e poi mi lasciano lì senza sapere che c’è un mondo intero dietro quel vetro…”.

Il romanzo di Franco Sangues racconta la storia di due giovani smarriti, alla ricerca di se stessi. Racconta di una nostalgia fatta tutta di amori non vissuti. Di rifiuti presi e digeriti col tempo, soffocati nel perdono.

LEGGI ANCHE:  Quasi quasi m'innamoro di Anna Mittone

Fino all’inizio ha in sé il significato di questa storia che “inizia dalla fine”: dalla fine di illusioni, di pregiudizi, di delusioni. La sorte fa incontrare Anteros e Carolina, offre loro l’opportunità di cambiare, di rinascere insieme.

Con stile incisivo il romanzo di Franco Sangues arriva dritto al punto, dopo aver affrontato gli aspetti psicologici di ciascuna situazione, i drammi alla base della caduta di ogni certezza, di ogni nuova decisione e di ogni nuova rinascita. Amando se stessi si può amare anche l’altro, in una totalità nuova e completa, in una ritrovata e inaspettata felicità.

Autore: Mariapaola De Santis

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest