Sotto lo stesso cielo | Intervista a Barbara Martinucci

La cover del libro di B. Martinucci

La cover del libro di B. Martinucci

Dopo aver pubblicato la recensione del suo primo romanzo, Sotto lo stesso cielo, Barbara Martinucci risponde alle nostre domande e ci racconta di come è nata l’idea di questo libro e il legame profondo che esiste fra la sua penna e i quattro protagonisti principali: Emma, Michael, Thomas e Penelope.

Sotto lo stesso cielo è un romanzo rosa in salsa adolescenziale, che mette assieme personaggi solo all’apparenza molto diversi fra loro. Perché questa scelta? Cosa li accomuna maggiormente?

Mi interessava sviscerare varie tipologie caratteriali, unite da un unico comune denominatore, ovvero l’assenza ed il vuoto, che di fatto risponde implicitamente alla seconda domanda. Volevo spingere al limite Michael, Emma, Thomas e Penelope, metterli alle strette per costringerli finalmente a fare i conti con le loro paure, a crescere.

Chi scrive un libro ambientato in America solitamente predilige New York City come scenografia. Lei, invece, ha preferito Pasadena: perché?

Quando ho cominciato a scrivere, intorno ai quindici anni, ho ambientato il mio primo romanzo a Pasadena. E ho voluto anche rendere omaggio all’adolescente introversa che sono stata.

In Sotto lo stesso cielo vi sono quattro protagonisti principali che intrecciano le loro sorti. Si sente più Penelope o Emma? E chi si sarebbe innamorata? Di Thomas o di Michael?

Credo di riconoscermi sia nel personaggio di Emma che in quello di Penelope e per la stessa ragione potrei innamorarmi sia di Michael che di Thomas. Diciamo che è stato più semplice raccontare dell’amore tra Emma e Michael piuttosto che tra Penelope e Thomas. Spero comunque di essere riuscita a rendere credibili entrambe le storie.

LEGGI ANCHE:  Novemila giorni e una sola notte di Brockmole Jessica

Sotto lo stesso cielo (in vendita su Lafeltrinelli.it a 2,99 euro) è il suo romanzo d’esordio, ma in passato ha anche pubblicato delle poesie. Come mai questo cambio di stile? Si sente più una “romanziera” oppure una poetessa?

Il mio percorso è iniziato con la scrittura, solo in seguito mi sono avvicinata anche alla poesia. Quindi la mia risposta è 80% romanziera e 20% poetessa.

Progetti per il futuro?

Scrivere un nuovo romanzo. Ho molte idee, spunti interessanti custoditi nella mia mente, che aspettano solo di venire fuori.

Per altre domande a Barbara Martinucci o per interagire con lei collegatevi alla sua pagina facebook o twitter

Autore: Laura Landi

Sono ­ per ammissione estrema ­ lettrice compulsiva, anche se molto molto esigente. Andare in libreria mi fa sentire come Alice nel paese delle meraviglie. Il mio amore letterario segreto? Gabriel García Márquez.

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest