Stephen King e i suoi nuovi romanzi

Stephen King

Stephen King- foto Wikipedia

Fioccano novità sul re dell’horror Stephen King. Ai suoi lettori già in attesa dei nuovi romanzi Joyland e Doctor Sleep ha annunciato di lavorare ad un nuovo romanzo che dovrebbe presentare nel 2014. Il titolo provvisorio sarebbe Mr Mercedes e si tratta di un romanzo giallo. Il protagonista è un uomo che guida un’auto di grossa cilindrata, la Mercedes, da cui prende il nome il romanzo, in mezzo alla folla e si diverte a schernire un detective in pensione che si era occupato in precedenza di lui.

La rivelazione giunge direttamente da Stephen King nel corso di una conferenza a Lowell, nella sede dell’University of Massachusetts. Lo scrittore ha anticipato che l’opera inizialmente era stata concepita come un racconto e si è rivelata invece un’opera ben più vasta, visto che ha raggiunto già le 500 pagine e non ha visto ancora la conclusione. King ha già anticipato peraltro che non è soddisfatto del titolo e che probabilmente lo stesso cambierà, molto probabilmente, in corso d’opera.

Intanto i suoi fedelissimi lettori attendono Joyland che uscirà negli Stati Uniti e in Canada il prossimo 4 giugno. Non un horror ma un poliziesco. Stephen King racconta la storia di Devin Jones studente di un college che per necessità economiche si ritrova a lavorare come giostraio nel luna-park di una cittadina del North Carolina, ma finisce per essere coinvolto in un violento omicidio. Il romanzo è ambientato nel 1973.

Per il 24 Settembre 2013, invece, sempre negli Usa e in Canada, uscirà un altro libro di Stephen King, più volte annunciato e poi rimandato dopo ripensamenti e correzioni, forse anche per questo molto atteso. Si tratta di Doctor Sleep, il sequel di Shining (1977). Ritroviamo il piccolo Danny che ora ha 40 anni e vive nello stato di New York, dove lavora in un ospizio per malati terminali. Visita i pazienti che stanno per morire e li aiuta a compiere il viaggio nell’aldilà con i suoi misteriosi poteri.

Ma non sono solo questi gli impegni dello scrittore 65enne. Lo staff ufficiale di Stephen King ha comunicato che, attraverso la pagina Facebook,  il “Re” ha scritto un saggio, Guns, in cui esprime il suo pensiero sulla questione dei diritti sul controllo delle armi negli U.S.A. Il saggio è disponibile in versione Kindle, in lingua inglese, (su amazon.it). Il ricavato delle vendite sarà devoluto alle vittime che hanno subito violenze a causa delle armi da fuoco.

Dice Stephen King: “Io credo che il problema di un America che inondi di armi è un problema che dovrebbe far pensare ogni cittadino; se questo saggio aiuterà a provocare un costruttivo dibattito, ho svolto bene il mio lavoro”.

 

Stephen King a lungo sottostimato dalla critica letteraria, tanto da essere definito in maniera dispregiativa su Time Magazine «maestro della prosa post-alfabetizzata», è stato rivalutato negli anni ’90 per il suo enorme successo popolare e per la straordinaria capacità di raccontare l’infanzia nei propri romanzi è stato paragonato a Charles Dickens. Paragone che lui stesso ha fatto, nella prefazione a Il miglio verde (a € 8,92 su ibs.it), vincitore del Premio Bram Stoker, pubblicato a puntate alla maniera di Dickens nel 1996. Il romanzo è stato adattato per il cinema da Frank Darabont per l’omonimo film del 1999, diretto da Darabont ed interpretato da Tom Hanks nel ruolo di Paul Edgecombe e da Michael Clarke Duncan come John Coffey.

Nel 1974 con Carrie (a €  6,72 su ibs.it) inizia il suo successo. Acquistato dalla casa editrice Doubleday per soli 2500 dollari, il romanzo passa inosservato in edizione rilegata, ma ha un enorme successo nell’edizione economica, superando il milione di copie vendute.

Nel 1975  Le notti di Salem (Salem’s Lot – a € 9,68 su ibs.it  e Shining  (1977- a € 8,42 su ibs.it) sono dei successi ancora maggiori: il primo vende oltre tre milioni di copie, il secondo supera i quattro milioni.

Nel 2000 King pubblica un romanzo a puntate, The Plant, su internet. Visto l’insuccesso, soprattutto economico poiché molte sono le persone che scaricano i nuovi capitoli senza pagarli, abbandona il progetto.

Nel 2002 annuncia sulla rivista Entertainment Weekly, per la quale fino al 2003 scrive la rubrica The Pop of King (riferimento a The King of Pop di Michael Jackson), di voler smettere di pubblicare, anche se non forse di scrivere.

Nell’ottobre del 2005 King firma per la Marvel Comics una trasposizione a fumetti della serie La torre nera intitolata La nascita del pistolero. La serie, basata su un giovane Roland Deschain, è diretta da Robin Furth, illustrata da Jae Lee (vincitore dell‘Eisner Award) e con dialoghi di Peter David. La prima uscita viene pubblicata il 7 febbraio 2007 in America, e nel marzo dello stesso anno vende oltre 200.000 copie. In Italia la serie viene pubblicata mensilmente a partire dalla fine dell’agosto 2007, per un totale di quattro albi.

Il 13 novembre 2012 è uscito un altro volume legato alla serie La torre nera, intitolato La leggenda del vento (The Wind Through the Keyhole) inserito negli eventi temporali tra il quarto e quinto volume e che, come tutti i volumi della saga, è stato tradotto da Tullio Dobner.

C’è un sito web in lingua italiana, stephenking.it dedicato allo scrittore americano con tutte le informazioni e gli aggiornamenti.

 

Leggi anche:

Hai trovato interessante questo articolo?

Aiuta questo sito a promuovere gli autori emergenti, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Nessuna rispostaa “Stephen King e i suoi nuovi romanzi”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Doctor Sleep di Stephen King finalmente in Italia - […] e le stanze vuote dell’Overlook Hotel non senza trovare poco piacevoli sorprese. Lo stesso King si è definito teso …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>