Beppe Viola | Racconti di un grande umorista da non dimenticare

cover

La cover del libro di Beppe Viola

Una raccolta di articoli taglienti come solamente il giornalista sportivo Beppe Viola poteva e sapeva scrivere, articoli uniti ad un lessico del tutto personale e qui raccolti a dieci anni dalla sua scomparsa.

Beppe Viola non era solamente un incredibile giornalista sportivo, ma un’insieme di sensazioni che partivano dalle osterie lungo i navigli, proseguendo fino allo stadio di San Siro e all’ippodromo confinante e omonimo, sempre con Milano sullo sfondo e una fauna di personaggi a popolare questi luoghi che da allora, fra i ’70 e i primissimi ’80, ha ‘svoltato’ la propria carriera, anche grazie allo stesso Viola; ecco alcuni nomi su tutti: Teo Teocoli, Massimo Boldi, Diego Abatantuono, ma anche Faletti, Felice Andreasi, Bruno Pizzul, che a Viola deve la sua professione di giornalista, per la quale rinunciò a una carriera come “campione di boccette”, per concludere con l’amico di via Lomellina, profonda periferia Milanese, Enzo Jannacci, già molto famoso ma che con Pepinoeu, come amava definirlo Brera, scrisse opere, canzoni e perfino sceneggiature di film.

Viola era quindi prima di tutto un grande umorista, non solo sulla carta stampata, ma anche di persona, lungamente imprigionato fra le mura della Tv di stato, che gli dava si di che vivere ma che forse gli stava troppo stretta, relegandolo nel ruolo di semplice commentatore di gare sportive, che si trattasse del calcio da lui tanto amato, fino ai Giochi senza frontiere, per i quali coniò parole scomode anche nel corso di una diretta in prima serata.

Uno scrittore scomparso prematuramente a soli 43 anni e che in questa manciata di scritti viene riesumato anche per mezzo di un mini dizionario a tergo che possa sintetizzarne la terminologia usata. Termini quali: rebonza, smorfire, clanda, sono tradotti per dare a chi non ne conosce il significato tutto quel mondo sommerso che lo stesso Viola amava definire come quel che lui per primo prediligeva “la strada”.

Il libro di Beppe Viola è edito da Baldini & Castoldi.

Autore: Ciro Andreotti

Nato a Bologna il 06/01/1972 Con un Paio di Pezzi di carta Nel cassetto e … una ‘vaga voglia’ di scrivere di continuo

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.