Il mondo di Lulz, quando la pirateria informatica si scontra con l’amore

Il mondo di Lulz, primo libro del programmatore ed ex hacker Antonio Fanelli

Il mondo di Lulz, primo libro del programmatore ed ex hacker Antonio Fanelli

C’è una categoria particolare di libri che rapisce il lettore in un rimescolio di immedesimazione e palpitazione che si riverbera anche oltre l’ultima riga. A questa categoria particolare appartiene Il mondo di Lulz, autopubblicato dall’esordiente come scrittore e informatico di professione Antonio Fanelli, e che potete trovare in formato e-book a meno di un euro su amazon.itwidth=1. Lulz, giovane hacker barese, imbastisce una trappola on line su commissione sotto forma di sito di astrologia per rubare le informazioni personali di Giulia. Ma la trappola è progettata talmente bene che finisce per imbrigliare tutte le persone che orbitano attorno alla ragazza e Lulz, grazie alla sua abilità informatica e a una buona dose di cinismo, diventa la “mano del destino” che guida le loro vite, ne svela tradimenti e orchestra scontri, fino a restare egli stesso imbrigliato nell’esistenza di Giulia e nell’affetto che cresce prepotente nei suoi confronti.

La peculiarità di questa categoria di libri è quella di generare un’immedesimazione così intensa tra storia e lettore da rendere superflua qualsiasi descrizione ordinaria del romanzo. Per capire Il mondo di Lulz, quindi, non si può fare altro che rilevare i livelli di coinvolgimento che si innescano immancabilmente nel lettore man mano ch’egli sprofonda nella storia.

Il primo livello di coinvolgimento è anche il primo punto di forza di questo romanzo: non serve uno sforzo nell’attivare la sospensione dell’incredulità, nell’abbandonare la propria normalissima vita, perché il lettore la ritrova nel libro senza alcuno sbalzo, legata a doppio filo alle pagine e ai passi dei personaggi. È la tua vita quella, di grandi delusioni, di timidi sentimenti, di quel contatto su facebook che non conosci…

Il secondo livello di coinvolgimento è favorito dallo stile trasparente e dalla struttura a incastro: personaggi ed eventi si passano la palla incalzando una circolarità perfetta, come in una partita di tennis dall’esito imprevedibile. L’attenzione del lettore è ipnotizzata, non scema mai, cresce con le pagine e divora la storia fino all’ultimo morso senza incappare in momenti sottotono.

Il terzo livello di coinvolgimento è il doppio che nella storia caratterizza sia contesto che personaggi, uno stratagemma letterario non inusuale, ma Fanelli lo inserisce nella dimensione contemporanea di internet e dei social network con originalità e una maestria sorprendente per un esordiente. Ogni personaggio ha una sua controparte virtuale ed entrambe si muovono nella storia come due vite e due personalità a sé stanti e solo alla fine riesci a scindere la personalità reale da quella fasulla, e sorprendentemente non è quella che ti aspettavi.

Il quarto livello di coinvolgimento è ragionato. Quale profilo interpreti tu? Usi internet per mascherare la tua timidezza, stai su facebook per ordire intrighi, o hai bisogno di un blog per essere davvero te stesso?

A un quinto livello di coinvolgimento vuoi soltanto trovare una mail con il simbolo de Il mondo di Lulz nella tua posta, vuoi che Lulz stia al tuo fianco come un angelo custode e plasmi gli eventi della tua vita, vuoi provare quella tenerezza inspiegata che ti fa pensare a qualcuno che non hai mai incontrato, vuoi vivere la tua personale “storia da batticuore”. Perché se c’è una cosa questo libro ti ha insegnato è che non devi essere un privilegiato per vivere una bella storia. Basta solo un computer, un indirizzo mail e la tua vita.

Leggi anche:

Hai trovato interessante questo articolo?

Aiuta questo sito a promuovere gli autori emergenti, diffondi i contenuti che ritieni validi sul tuo social network preferito o iscriviti alla newsletter. Basta un clic e non costa nulla!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>