Park life: il romanzo d’esordio di Pier Manzoni

Park life di Pier ManzoniPark Life è il romanzo d’esordio di Pier Manzoni, pubblicato dal gruppo Albatros (su bol.it a € 10,96). Non aspettatevi il classico romanzo con una storia di fondo, un intreccio e dei personaggi.

 Il protagonista c’è. È un Io in cui chiunque lettore potrebbe trovare delle affinità, riconoscersi o meno, in alcuni aspetti o anche in nessuno. Scava dentro di sé, sogna e riflette. Il fluire delle parole segue lo scorrere dei pensieri, impetuoso e non sempre ordinato. Ricorda e racconta anche eventi legati alla quotidianità, solo apparentemente irrilevanti. Perché, nonostante tutto, c’è una corrispondenza nel presente: […] è bello quando qualcosa di perso in noi riemerge ci fa sentire di aver vissuto, come i vecchi album della Panini che abbiamo raccolto […].

Uno stile ironico che non cela il disincanto verso l’uomo troppo preso da se stesso, legato ai propri interessi, fautore di una società che vive solo di apparenze: […] l’uomo pone il suo interesse davanti a tutti e non esiste religione o credo politico o altro che possa far mutare questa verità, l’uomo agisce per interesse in tutto e per tutto ciò che fa […]

In Park life, il protagonista corre e in questa corsa senza fiato pensa: […] La vita non è altro che un parcheggio, pubblico o privato che sia, un parcheggio da cui si esce per correre, da cui tutto inizia o tutto finisce […].

Lo scenario predominante è il parcheggio, metafora dell’esistenza che si snoda al confine tra onirico e reale, razionale e irrazionale. Tra ciò che si lega strettamente alla nostra quotidianità oppure ciò che è frutto della nostra immaginazione, ma nell’assoluta consapevolezza di vivere.

Conflitti interiori e pensieri in un confronto stringato con il proprio alter-ego si susseguono senza filtri e senza compromessi. Analizzando comportamenti meccanici, automatici e svuotati del loro significato o anche sogni, incubi, paure notturne che si ripercuotono nella vita di tutti i giorni.

LEGGI ANCHE:  Chiara e le farfalle, un romanzo rosa dell'esordiente Lida Vendramin

Park life è un libro che non si basa su certezze assolute, ma è un “flusso di coscienza”, senza definizioni e senza troppe convinzioni.

Autore: Mariapaola De Santis

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest