Crowdfunding alla riscossa anche per i sequel dei romanzi

Crowdfunding alla riscossa

Foto: Starteed.com

Crowdfunding alla riscossa. Le donazioni sul web impazzano sempre di più, anche per i sequel dei romanzi. Gli internauti in questo modo sostengono quei progetti  letterari che ritengono validi.

Ciò di cui stiamo parlando in altre parole è la partecipazione dal basso attraverso il crowdfunding, quel processo che consente attraverso il web di mobilitare le risorse economiche degli utenti non solo in caso di progetti umanitari di raccolta fondi, ma anche per progetti di editoria, giornalismo partecipativo, ricerca scientifica e iniziative legate alla conservazione dei beni culturali.

Il crowdfunding ha visto la sua popolarità nella campagna elettorale del presidente americano Barack Obama. Oggi nella top ten di questa tipologia ci sono portali come Kickstarter, Kapipal, Ulule. Nel 2005 in Italia si è affermata la prima piattaforma di questo tipo Produzioni dal basso.

Ma non si tratta soltanto di sposare un valido progetto editoriale o una causa in cui crede. Spesso le opportunità offerte agli affezionati internauti sono più alte delle loro stesse aspettative. Basti pensare alle scrittore noir Victor Gischler autore di Anche i poeti uccidono (Meridiano Zero) che ha fatto appello ai suoi lettori chiedendo 3mila dollari per il sequel di Black City (Newton Compton), uscito nel 2008 in America con il titolo Go-go Girls of the Apocalypse.

Black City tra le sue pagine mostra il mondo giunto al capolinea tra epidemie, terremoti, crac finanziari e attentati che minacciano di distruggere la civiltà. Il protagonista Mortimer Tate, agente assicurativo da poco divorziato si isola su una montagna del Tennessee, con scorte di viveri e armi. Dopo nove anni prima decide di scendere a valle per scoprire cosa ne è stato del mondo che aveva appena lasciato. Mortimer si ritrova in un paesaggio surreale, dove l’America non esiste più. L’umanità residua si raccoglie intorno ai club di strip tease di Joey Armageddon, tra birra ghiacciata, ballerine di lap dance e buttafuori armati di fucili. Accompagnato da pochi sopravvissuti – il cowboy Bill, la spogliarellista Sheila e Ted, l’uomo delle montagne – Mortimer affronta pericoli, violenza e devastazione, fino ad arrivare alla città perduta di Atlanta, dove lo attende una sfida che può determinare il futuro della civiltà.

LEGGI ANCHE:  IL MAGGIO DEI LIBRI 2014: GLI EVENTI

Bene, il sequel delle avventure di Mortimer non interessa all’editore di Gischler, sceneggiatore per la Marvel di fumetti come Wolverine e della nuova serie degli X-Men. Lo scrittore ha perciò lanciato un appello ai suoi lettori tramite la piattaforma Kickstarter e ha stabilito diversi parametri per le donazioni. Da una copia gratuita dell’ebook in anteprima per 5 dollari, al nome citato nei ringraziamenti sino al nome di un personaggio importante della storia con 250 dollari. A partire da 500 dollari la cifra per dare il proprio nome al protagonista (maschile e femminile) del romanzo.

Ebbene si! Il vostro nome ad un personaggio della storia o addirittura ad un protagonista. Voi per il sequel di quale romanzo sareste pronti ad intervenire economicamente?

Autore: Mariapaola De Santis

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest