Intervista a Raffaele Montefusco, autore del libro La casa di Moda

Di seguito, l’intervista realizzata da recensionilibri.org a Raffaele Montefusco, autore del romanzo La casa di Moda.

Oltre a scrivere intriganti romanzi, come riempie le sue giornate? Si racconti un po’ ai nostri lettori.

Sono consulente nel campo dell’organizzazione aziendale e della qualità; per il resto del tempo vado in palestra, in piscina e scrivo. Quando ho qualche giorno libero, faccio dei viaggi.

La casa di moda è il suo primo romanzo. Un giallo. Prima, solo libri tecnici. Cosa l’ha spinta ad avvicinarsi a questo genere letterario?

I gialli mi hanno sempre appassionato; ne ho letti moltissimi e ho deciso di provare…

Il suo lavoro, oltre a raccontare una storia, è ambientato a Genova. Non sarebbe azzardato dire, forse, che La casa di moda è Genova. Nelle pagine del libro si assaporano sapori e profumi della città ligure, il lettore è quasi vittima di un teletrasporto inconsapevole. La città, da sempre, è una scenografia perfetta usata da autori, poeti e cantautori. Anche lei, non ne ha potuto fare a meno…

Genova è la mia città natale e la conosco molto bene. Con le sue viuzze strette, il porto e l’aria di mare è la città ideale per ambientare un libro di genere, in particolare un poliziesco.

 “C’è una città di mare con i suoi paesaggi”. Anche il Commissario Agosti, il protagonista del romanzo, lo sa. Quanto c’è di autobiografico nel suo giallo? Spesso di dice che nei primi romanzi un autore, involontariamente, tende a rivedersi e a identificarsi in uno dei personaggi creati dalla sua penna. C’è qualche personaggio che racconta un po’ di Raffaele  Montefusco?

Un po’ di autobiografia c’è sicuramente. Forse più in Perrone che è il vice del Commissario Agosti; poi un po’ qua e un po’ là, nei vari personaggi, ma si tratta di frammenti, a volte di cose che avresti desiderato e non hai mai avuto…

Prossimi commissari nel cassetto?

Ora sto scrivendo soprattutto racconti, ma sto meditando di scrivere un altro libro giallo, forse con un altro personaggio principale; ci sto lavorando.

 Charles Bukowski  diceva “Per me scrivere è tirare fuori la morte dal taschino, scagliarla contro il muro e riprenderla al volo”. Per Lei, invece, cosa rappresenta l’arte della scrittura?

LEGGI ANCHE:  Intervista a Giuseppina Bertoli, autrice del romanzo La Punizione

Bukowski era geniale in tutto, anche nel suo modo di dire le cose. Per me scrivere è semplicemente tirare fuori il lato oscuro che c’è in me e nelle persone che frequento o di cui sento parlare.

La sua scrittura adotta un linguaggio semplice, scorrevole, privo di ghirigori stilistici. Le va di dare un suggerimento ai giovani, e non, autori emergenti e a tutti coloro che amano questo mondo?

Sì, è vero. Amo la semplicità  e la applico a tutte le cose, anche alla scrittura. Non sono in grado di dare suggerimenti se non quello di essere il più possibile se stessi e di cercare di scrivere in modo grammaticalmente corretto, senza inventare troppo.  

Una delle domande d’obbligo in un’intervista ad autori emergenti e alla quale, ormai, siamo follemente affezionati è: con quali autori e libri si è formato il suo carattere letterario?

Leggo veramente tanto: i più amati sono: Soldati, Pratolini, Moravia, Camilleri, Carofiglio Scerbanenco, Mann, Balzac, Gavalda, Simenon, Twain, Hemingway, Mankell, Montalban, Chandler. Gli autori che hanno influito di più sono quasi sicuramente Camilleri, Carofiglio, Simenon e Chandler.

 Un grazie doveroso all’autore, per la sua disponibilità e i suoi preziosi consigli

Autore: Giusy Casciaro

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Aspetta, non lasciare soli i nostri libri!

Non perdere l'occasione di leggere in anteprima le recensioni delle prossime novità editoriali, farti due risate con la nostra rubrica degli equilibri giocosi e interessarti a scoprire nuovi talenti emergenti.

Se questo non bastasse in regalo per te l'ebook: Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello.

Ti sei iscritto con successo.