Matilde danza sulla riva – un libro di racconti magici

Le raccolte di racconti hanno sempre qualcosa di magico, questa in particolare lo ribadisce nel sottotitolo: racconti magici in the sky: nel cielo, cioè il regno dei sogni.

MATILDE DANZA SULLA RIVA è un libro di racconti molto scorrevoli e molto, molto stimolanti, capaci però di strappare anche una risata, spaziando dal magico al fantastico, toccando più volte il genere sentimentale e con intense escursioni nel mondo dell’assurdo e del misterioso.

Ogni racconto offre più spunti di riflessione e piani di interpretazione, che sono poi le caratteristiche principali affinché gli ingranaggi nella nostra testa continuino a girare anche una volta conclusa la lettura: è proprio questo che mi è piaciuto di più del libro, ogni racconto lascia qualcosa e non è mai fine a se stesso.
Giudicare i racconti per la sostanza narrativa che offrono, per i fatti che raccontano, passa quasi in secondo piano perché il fulcro del libro, oserei dire il motivo, sembra essere quello di vedere fino a che punto è possibile usare la parola, un paragrafo, un capitolo. Un plauso speciale all’autore quindi, se si considera che almeno il 99% degli autori esordienti adopera soluzioni espressive scolastiche e banali.

IL LADRO QUESTE COSE LE SA ricorda vagamente una di quelle commedie degli equivoci in cui, per non scoprire le carte in tavola, la storia prende una piega inaspettata, inducendo lo spettatore (in questo caso il lettore) a riflettere sulle intenzioni e sui punti di vista nella vita di tutti i giorni.

Si continua con SONIALUCE che, con MATILDE DANZA SULLA RIVA, la title track, sono di difficile collocazione tematica; sono sfuggenti persino allo sforzo di dargli un senso (o forse l’incapacità è solo mia). Posso dire di questi due testi che sono racconti surreali e onirici, sono un delizioso esempio di come la poesia si possa trasformare in malinconia quasi senza accorgercene.

WHERE DID YOU SLEEP LAST NIGHT è invece un piccolo giallo ritmato, che ci riporta coi piedi per terra grazie a una corsa verso l’ignoto, braccati dalla paura ed erosi dal sospetto. I versi dell’omonima canzone ci accompagnano verso una conclusione dal retrogusto amaro.

IL COLPO PERFETTO è una storiella intrigante e visionaria che ci parla della Perfezione. Testo di sapore vagamente twilightiano, è quello che maggiormente indica come l’autore sia alla ricerca di soluzioni nuove e inedite, mischiando fatti reali ad altri inventati, intervallando i paragrafi con diciture strambe come Primo Pezzetto, Secondo Pezzetto ecc., inserendo avvisi anacronistici che sconsigliano il lettore dal credere veri fatti e personaggi, o portando dalla viva voce di una segreteria telefonica nel vivo di una partita di pallone amatoriale senza interruzione. Il risultato estetico finale non può che spiazzare perché siamo di fronte a un testo decisamente sopra le righe, anzi fuori.

LEGGI ANCHE:  Avventure storiche di sedicenni nell'Europa del Medioevo

Si prosegue con SECONDO PIANO MAFESSONI, stupefacente perché narrato in prima persona da un accendino usa e getta! Il testo non manca di qualche riflessione sociale, diverte, ed è scritto bene. L’ho trovato davvero ben scritto, perché racconta una storia interessante, con risvolti anche drammatici, da un punto di vista prettamente insolito e curioso.

Uno dei racconti più riusciti è senza dubbio UN GRANDE STUPORE, storia scorrevole di amicizie e amori, che ormai considero un piccolo capolavoro: è un racconto frizzante, solare, leggero, e curato, molto bello. Per queste qualità si lascia leggere in un lampo, pur essendo il testo più lungo della raccolta. Il piatto forte della storia sono i molti finali, fra cui qualcuno divertente, qualcuno toccante (e per incisività e misura l’ho trovato molto sincero e sentito), qualcuno soprannaturale, o comico. Al lettore la scelta di decidere quale sia quello che più lo convince. Ogni finale è legatissimo ai fatti narrati.

IL SUICIDIO DELLA RAGAZZA DAI BEI CAPELLI CASTANI, che chiude la raccolta, è invece una gustosa fiaba moderna, davvero impeccabile e bella.

Ve lo consiglio perché è un libro in cui ho intravisto molte chiavi di lettura, azzeccate anche le illustrazioni interne, ed è il secondo lavoro di un promettente autore che sta emergendo proprio in questo momento.

Autore: SarahMacSanciba

Condividi Questo Post Su

1 Commento

  1. Questo articolo mi ha incuriosito!
    Io che leggo solo nei ritagli di tempo apprezzo molto le raccolte di racconti, grazie per il suggerimento.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Recensione L’isola dei Liombruni. Un romanzo fiabesco tra mito, sogno e una fanciullezza pronta a tutto per non crescere - [...] non siamo in un paese normale, siamo sull’isola dei Liombruni, personaggi fantastici i cui sentieri intricati lastricano l’isola, che…

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.

Pin It on Pinterest