Cerca alla voce “Unità d’Italia”. Dalla A alla Z. Fatti, luoghi e personaggi dei 150 anni della Nazione

dizionario storico unità d'ItaliaL’intenzione è grande. Più che grande, ambiziosa. Più che ambiziosa, enciclopedica.Grandi e ambiziosi d’altronde son stati (e continuano ad essere) i festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Ambizione è la stessa Italia, come soleva ripetere il maestro Indro Montanelli. Da qui a trasporre grandezza e ambizione in un’opera enciclopedica passa tanto coraggio. Lo ha avuto Pier Francesco Listri, grazie all’appoggio della casa editrice Bonechi, in quanto esperto in materia e già avvezzo ad opere simili (“Dizionari di Firenze e della Toscana”, “La grande storia di Firenze” e altri). Per lunghi anni giornalista, capo redattore, editorialista de «La Nazione» Pier Francesco Listri ha collaborato con grandi giornali come «L’Espresso» e riviste come «Il ponte» di Calamandrei.

Da 30 anni è regista e produttore di programmi culturali in RAI. Storico di Firenze e della Toscana ha dedicato a questi temi oltre 20 opere, ma questa sulla storia d’Italia è una sfida in più. Si tratta – si scrive nell’introduzione – di “un’opera complessiva ma insieme semplice, divulgativa benché seriamente informata, obbiettiva ma non inerte e anonima” che conferisce “a personaggi ed eventi, resi dal tempo più mitici che condivisi, il caldo senso della vita”.

Sprigiona effettivamente di calore della ricerca ed ardore cronachistico questo “Dizionario storico” in cui ci si può perdere tra le voci ma anche ritrovare nei tanti dossier di fatti, personaggi, nei “luoghi della memoria”, nei riquadri minuziosi d’approfondimento.

Oltre 500 voci, dalla A di Giuseppe Cesare Abba alla Z di Giuseppe Zanardelli che in coro rendono “Italia” e paiono rispondere all’urlo del secessionismo con un’opera unitaria resa ancor più attuale dall’uso sapiente ed ampio della fotografia (più di 1000 illustrazioni). Ci si imbatte così nel semisconosciuto Daniele Manin (vero cognome Medina), avvocato veneziano che sognava una grande federazione europea senza aver mai visto l’Italia (ufficialmente) unita o ne “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” di Pellegrino Artusi come prima opera promotrice del made in Italy e, al contempo, fautrice dell’unità linguistica. Si scoprono tantissimi aneddoti utili a carpire i movimenti “fluidi” dell’Italia (moderna?) come l’insurrezione di Recanati del 1831 in cui il governo provvisorio nomina un tale Giacomo Leopardi tra i candidati da eleggere: il poeta rifiuta, contrario alle motivazioni che oggi portano alle innumerevoli “discese in campo”: “Desidero sommamente che la città e la provincia si scordino totalmente di me”, scrisse. Riflessioni di un’altra Italia. Sempre la stessa. “Ora, amico Lettore, questo dizionario è affidato alle tue mani”.

LEGGI ANCHE:  5 libri sulla Grande Guerra e il fronte Dolomitico

Recensione a cura di Simone di Biasio

Leggi altre recensioni su aNobii

Scheda del libro

 

Autore: Pier Francesco Listri
Titolo: Grande dizionario storico dell’unità d’Italia
Editore: Bonechi
Pagine: 480 pagg.
Prezzo: € 23,50

Autore: Giovanni Marco Nicolazzo

Sono Mr John, risolvo problemi: ho il compito di mantenere questo sito perfettamente operativo e come fondatore di far funzionare l’intera organizzazione. In pratica ci si rivolge a me solo quando ci sono problemi. Cosa c’entro con i libri? Presto detto: aiuto gli autori emergenti a capire di marketing e promozione.

Condividi Questo Post Su

Trackbacks/Pingbacks

  1. Il cervello umano ha ormai raggiunto il livello massimo delle sue possibilità? - [...] mentre la squadra nazionale di pallanuoto dedica la sua vittoria a Giorgio Napolitano e ai 150 anni dell’Unità d’Italia, cosa…

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.

Pin It on Pinterest