L’Isola Degli Uomini Superflui

copertina l'isola degli uomini superfluiLocation di questo romanzo horror è una foresta talmente impenetrabile da meritar l’appellativo di ISOLA, una sorta di IPERURANIO delle idee malsane, dove possono concretizzarsi i vizi più raccapriccianti dell’umanità.
Demiurgo di questo non-luogo è Calver, un potente uomo d’affari che, forte delle proprie risorse finanziarie, ha costruito una sorta di luna park degli orrori, in cui la morte la fa da padrone ed attrazione principale.
I macabri capricci dei potenti, che sembra abbiano spremuto tutto dalla vita reale, possono pertanto trovar sfogo in questo luogo rigettato da Dio, dove poter godere – e spesso prendervi parte – di uno spettacolo la cui fine scontata non è lieta per le vittime.
I personaggi che lavorano su quest’isola, popolandola, senza animarla, sono individui che non devono più nulla alla vita, ma al contrario da essa rifuggono per costruirsi una non-vita parallela, priva di scrupoli e umanità; tra questi spicca il braccio destro di Calver, il Capitano, uomo in costante repressione della propria complessità, volto soprattutto a non lasciar ri-emergere il proprio lato umano.
Calver ordina, il Capitano esegue, reclutando con cura maniacale gli ignari attori dalle periferie del mondo o semplicemente dalla parte sbagliata dell’isola; si tratta di soggetti la cui sparizione non solo non deve allarmare, ma soprattutto non deve allertare: sono gli uomini superflui – relitti umani, mendicanti, prostitute senza protettore – adescati con false speranze con lo scopo di alimentare il Serraglio degli uomini superflui, luogo di detenzione dove saranno sottoposti ad atroci torture in modo da annullarne personalità e volontà prima che possano meritare a pieno titolo il ruolo di attori principali degli atroci giochi della clientela viziosa e satolla, desiderosa unicamente di perpetrare le più umilianti torture su persone viventi.
Con stile netto ed attento, Stephano Giacobini, delinea la filosofia di fondo dell’ isola degli uomini superflui”: come fosse una costante partita a scacchi – di cui si ha una pregevole rappresentazione nel capitolo 14 “Scacco Perpetuo”- il bene ed il male si combattono in eterno, purtroppo non lasciando spiragli di vittoria al re bianco.

LEGGI ANCHE:  In fondo al tuo cuore, il nuovo giallo di Maurizio De Giovanni

Il blog di Stefano Giacobini

Pagina di acquisto del libro L’isola degli uomini superflui

Scheda del libro

Titolo L’ isola degli uomini superflui

Autore Giacobini Stephano

Prezzo € 15,00

Dati 2009, 208 p., rilegato

Editore Spoon River  (collana Dark Side)

Autore: Monica Pintozzi

Come controller, ho appreso che i numeri contano solo se li sai analizzare, come lettrice che le parole contano solo se le sai utilizzare. Maniaca del dettaglio, pretendo che il libro rispetti lettore e sintassi; ignoro volentieri testi pieni di parole e concessioni dal sapor di refuso. Il libro è regalo per me non per l’autore.

Condividi Questo Post Su

1 Commento

  1. L’ho letto e mi è piaciuto molto.
    Curato nel dettaglio, originale la trama e raccomando la fine……

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aspetta, ami anche tu il profumo dei libri? Sostieni l'editoria emergente!

Ogni settimana un racconto gratis da scaricare. In più aggiornamenti sulle novità editoriali e le recensioni a cura della nostra redazione.

Grazie! Controlla la tua casella di posta e inserisci il nostro mittente nella tua rubrica per avere la certezza di ricevere le nostre email.