Cielammare

cielammare_n_thumbDa bambino gli anziani mi raccontavano le storie che riguardavano il mare e la prima guerra mondiale. Mi colpirono così tanto che ho deciso di scrivere due romanzi. Il primo è Cielammare, una parola spesso utilizzata dai vecchi marinai per indicare una situazione meteorologica pericolosa. Solevano spaventare i giovani mozzi raccontando loro che quando il cielo, di un colore grigio piombo, toccava il mare confondendosi con esso cancellando l’orizzonte, le navi da pesca rischiavano di non tornare a terra.

Gian Luca Brizi

Acqua cristallina, scogliere dolci dalle forme fantastiche, colline dalla vegetazione varia che ricorda sontuosi giardini eccetera eccetera. I gestori dei siti internet si affannano sempre di più alla ricerca di una certa originalità, di fotografie inedite, di immagini originali sull’ isola e sugli isolani. Quindi quale immagine migliore, quale fotografia più brillante se non quella che scaturisce dalla lettura di un romanzo il cui protagonista è proprio il mare? Quando sarete sdraiati sugli scogli, o sotto l’ombrellone ( affittato a caro prezzo! ), cosa potrà donarvi quella totale immersione nella realtà marittima se non un libro? Quale fascinoso argomento di lettura è migliore di quello che riguarda il mare? Volete leggere le ultime dichiarazioni del governo? Volete sondare ed approfondire le problematiche del medio oriente? Al mare? Ma fateci il piacere!

LEGGI ANCHE:  Tu es Petrus: il romanzo di Carlo Forni Niccolai Gamba

Autore: jeyjey

Condividi Questo Post Su

Invia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest